QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 17°30° 
Domani 18°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 30 luglio 2016

Attualità sabato 14 marzo 2015 ore 16:38

Chiusura uffici: tutto rimandato. Poste ci pensa

Una pausa in attesa delle proposte dei Comuni toscani. Biagiotti (Anci): "un punto a nostro favore anche dal Consiglio di Stato"

FIRENZE — Una pausa per permettere ai Comuni Toscani, assistiti da Anci ed Uncem, di presentare in tempi brevissimi alla Direzione regionale di Poste italiane una proposta alternativa sul piano di razionalizzazione degli uffici postali. Un piano che, tra chiusure e riduzioni di orario, nel pisano colpisce duramente il Comune di Montecatini Val di Cecina, ma anche quello di Monteverdi Marittimo, oltre a San Giovanni alla Vena; Castelmaggiore; Uliveto Terme; Treaggiaia; Corazzano; Ghizzano di Peccioli; Legoli; Luciana; Marti; SoianaOrciano Pisano e Capanne. 

La pausa che permette ai Comuni toscani di avanzare proposte è l’esisto dell’incontro che si è tenuto ieri, 13 marzo, a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze tra i vertici delle associazioni di rappresentanza dei Comuni, la Regione e il responsabile di Area territoriale di Poste Italiane per le regioni di Toscana e Umbria, Michele Deiana.

Nel piano di tagli previsto, già ieri avrebbero dovuto cominciare le operazioni negli uffici postali colpiti dai tagli, con l’esposizione dei cartelli che annunciavano il compiersi del piano entro 30 giorni. I cartelli per ora non verranno messi; e presto Poste, Regione, Anci e Uncem si ritroveranno per valutare le proposte alternative, elaborate dai Comuni interessati sulla base delle loro specificità.

“Abbiamo fatto presente a Deiana le criticità del piano, inaccettabile così com’è sia per il metodo che nel merito – dice la presidente Anci Toscana Sara Biagiotti - Intanto avrebbero potuto avvertirci prima della necessità di una razionalizzazione, così da concordarla, e non comunicarla per raccomandata a cose fatte. Ma soprattutto il piano è irricevibile perché va a colpire territori dove l’ufficio postale è un presidio necessario per la popolazione, soprattutto quella più anziana”.

Biagiotti fa riferimento anche alla recentissima sentenza della sesta sezione Consiglio di Stato, che ha ribadito come le chiusure degli uffici postali debbano tenere necessariamente conto della dislocazione territoriale e della accessibilità del servizio, che secondo i giudici “non può prescindere dall'effettiva e normale percorribilità delle strade di accesso in termini di reale e conveniente fruibilità da parte dei cittadini". Inoltre, le strade non solo devono essere percorribili in condizioni di sicurezza, ma devono essere servite da mezzi pubblici, "in maniera che l'accesso non sia condizionato dalla disponibilità di mezzi privati". Per l'Anci è un punto in più a favore dei sindaci, che anche in Toscana avevano segnalato questo tipo di problemi.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità