QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 17°31° 
Domani 17°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 25 giugno 2016

Politica domenica 13 marzo 2016 ore 16:17

L'orgoglio di Riparbella e Castellina

Una foto della manifestazione 'Orgoglio Comune'

I due Movimenti civici contrari alla fusione soddisfatti dell'iniziativa 'Orgoglio Comune'. Le date dei due consigli comunali aperti

RIPARBELLA — I comitati di Riparbella e Castellina marittima contro le fusioni. Il giorno dopo la manifestazione volterrana a cui hanno preso parte circa 110 sindaci da tutta Italia per dire no alle fusioni anche i comitati del no dei due piccoli Comuni, a cui è stata prospettata una fusione, dicono la loro: "Sono tagli amministrativi - ha detto Alessandro Lucibello Piani per conto dei due Movimenti Civici - che colpiscono i nostri comuni, la sanità e i servizi in genere e che uccidono e penalizzano gravemente solo le zone periferiche della nostra nazione, zone evidentemente considerate poco interessanti politicamente e quindi sacrificabili, per costoro siamo cittadini di serie B". 

"Ripetiamo da tempo - ha proseguito Piani - che prima di procedere con ulteriori riforme avventate, serve analizzare i risultati delle tante riforme incomplete degli ultimi vent’anni mettendo sotto una lente di ingrandimento i troppi errori commessi. Molti dei programmi di riforme politiche degli ultimi anni erano motivati con la necessità di attenuare le sofferenze causate dalla crisi ma tradiscono un ignoranza assoluta della vera natura della crisi che viviamo e finiscono per aumentare la crisi stessa come un vortice che si autoalimenta ad esempio con i tagli orizzontali e meramente quantitativi. Dall’altro nessuno ha il coraggio di analizzare i tanti recenti fallimenti che hanno portato a riformare la riforma della riforma quando ancora la prima riforma non era arrivata a compimento. Le contraddizioni nelle spiegazioni sussurrate sottovoce dai sostenitori delle fusioni sono imbarazzanti mentre la voce di chi ritiene i nostri Comuni un tassello importante, fondamenta delle nostre comunità e della nostra cultura, si sono levate forti nella manifestazioni di Volterra". 

I due comitati hanno poi annunciato i prossimi appuntamenti: "In vista del prossimo referendum popolare sulla ipotesi di fusione tra Riparbella e Castellina organizzeremo altri eventi importanti nel territorio della bassa Valdicecina e porteremo testimonianze da tutt’Italia di come le fusioni non siano garanzia di alcunché".

Indice puntato contro il Partito democratico: "La settimana scorsa il Pd - ha aggiunto Piani - per sostenere le ragioni della fusione, ha organizzato a Castellina un incontro con Donati e Lippi, rappresentanti i comuni di Rosignano e Cecina. Per l’occasione il pubblico lo contavi con le dita di una mano. Tre sindaci, un vice sindaco e due segretari locali del Pd, di fronte ad uno sparuto pubblico di circa dieci persone. La disaffezione dei cittadini è dettata dalle pessime scelte che questi amministratori hanno proposto e attuato negli ultimi decenni e sappiamo che non lo ammetteranno mai tanto che piuttosto di rimboccarsi le maniche e imparare a gestire diversamente i comuni preferiscono fare come i bimbi arrabbiati: non sapendo perdere abbandonano la partita portandosi via il pallone, ossia chiudono i comuni".

I prossimi incontri sono fissati per martedì 15 marzo a Castellina e martedì 22 marzo a Riparbella, sempre alle 21: "In entrambi i casi si terranno i consigli comunali aperti a cui abbiamo invitato diversi sindaci del territorio tra cui Marco Buselli (Volterra), Giuliano Parodi (Suvereto),Giacomo Tarrini (Chianni) e Sandro Ceccarelli (Guardistallo) perché ci raccontino le loro esperienze di sindaci che non mollano e combattono per difendere gli interessi del loro territorio e dei loro cittadini".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica