QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 22°22° 
Domani 18°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 23 luglio 2018

Cronaca domenica 01 aprile 2018 ore 10:59

Collant, pistola e proiettili nascosti nel bosco

Dentro una sacca nei pressi di Montegemoli una pistola scacciacani modificata, 48 pallottole a salve, un berretto e collant da donna



POMARANCE — Accusato di numerose rapine in Toscana e ora in carcere a Grosseto, è stato lui stesso a indicare agli inquirenti dove aveva nascosto l'armamentario per le rapine. Così i carabinieri sono arrivati a delle macerie nei boschi di Montegemoli, sotto le quali c'era la sacca con tutto l'indispensabile per rapinare banche: una pistola scacciacani privata del tappo rosso di riconoscimento, 48 colpi e collant da donna, utilizzati per coprirsi il volto al pari di un berretto da pescatore a falde larghe.

Il rapinatore è stato arrestato il mese scorso, individuato grazie alle immagini di numerose telecamere di videosorveglianza e nonostante il curioso stratagemma usato durante i colpi al fine di sviare le indagini: italianissimo, chiedeva la consegna dei con un finto accento straniero. Circa 100mila euro il bottino complessivo delle numerose rapine effettuate, grazie al quale si è anche concesso una vacanza alle Antille. Poi, ritornato in Italia, l'arresto.

La sacca l'aveva nascosta in Alta Val di Cecina perché scelta come luogo per i prossimi colpi.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca