QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 15° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 09 dicembre 2016

Attualità venerdì 25 marzo 2016 ore 14:00

Verso una rete meteo unificata

Una stazione meteo

E' in fase di configurazione la nuova stazione meteo-web del Comune. Il vicesindaco Fabiani: "L'obiettivo è ottenere la certificazione regionale"

POMARANCE — Alcuni giorni fa Quinews dava la notizia di una nuova stazione meteo-web in via di realizzazione in località Poggio alle Forche. La stazione è adesso in fase di configurazione è sarà presto operativa, in grado di captare variazioni climatiche e di condividerle sul web attraverso il sito www.castelnuovometeo.it

Il dispositivo è stato installato in virtù di un accordo fra l'Amministrazione comunale e l'associazione Wirless For You, che da tempo investe energie e risorse per la diffusione della connettività in zona. "Il nostro obiettivo è quello di creare una rete fra le varie stazioni già esistenti nel circondario - spiega il vicesindaco di Pomarance Nicola Fabiani - per poter disporre di una banca dati e un giorno, si spera, inserire il servizio all'interno centro funzionale della Regione, in modo da conferire alle rilevazioni una certificazione ufficiale".

Al momento, infatti, le stazioni presenti nei Comuni di Castelnuovo e Pomarance sono in grado rilevare dati non certificati, sebbene attendibili e in maniera semi-professionale. I risvolti pratici di una rete certificata sarebbero molti. Spiega Fabiani: "In caso di calamità i dati avrebbero un valore legale e potrebbero essere usati per risolvere risarcimenti o assicurazioni". A beneficiarne sarebbe inoltre il turismo: "La stazione meteo è dotata di web cam - prosegue Fabiani - il che permette al turista di farsi un'idea del tempo e scegliere il giorno adatto".

Infine, l'importante contributo (sebbene indiretto) sul piano economico, andando a incidere direttamente sull'agricoltura: "Il nostro territorio ha un'estensione di circa 250 chilometri quadrati - spiega il vicesindaco - e le condizioni possono variare molto da una località all'altra. Grazie a questo sistema capillare gli agricoltori potrebbero lavorare tenendo il polso della situazione". Un esempio in tal proposito riguarda la prevenzione contro la mosca dell'olivo: "Conoscere l'andamento del clima locale aiuta a combattere anche fenomeni nocivi come questo".

 

Filippo Bernardeschi
© Riproduzione riservata

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cultura