QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 19°32° 
Domani 20°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
mercoledì 29 giugno 2016

Cronaca martedì 22 settembre 2015 ore 20:10

Preso il pirata della strada

Nella foto il luogo dell'incidente e il volto di Andrea Tani

Sulla macchina sono stati trovati danni compatibili con i rilievi dell'incidente e anche degli schizzi di sangue

MONTECATINI VAL DI CECINA — E' stato arrestato dai carabinieri un uomo del 1977 residente a Castelfiorentino in provincia di Firenze.  È accusato di omissione di soccorso e omicidio colposo per la morte di Andrea Tani. Per il 38enne, un insegnante di un istituto superiore, l'autorità giudiziaria ha disposto gli arresti domiciliari.

Sarebbe lui il conducente dell'auto che domenica 20 settembre è stata coinvolta nell'incidente in cui ha perso la vita il 56enne di Saline di Volterra sulla 68 nel Comune di Montecatini Val di Cecina.

L'uomo non ha confessato. Ad incastrarlo sono state le indagini dei carabinieri e le prove raccolte. Grazie alle immagini scattate da una persona che si trovava sul luogo dell'incidente e consegnate ai carabinieri di Ponteginori, dopo attente indagini  e grazie anche all'acquisizione di alcuni filmati provenienti dalle telecamere di videosorveglianza, gli uomini dell'Arma sono riusciti a risalire prima alla targa del veicolo, e poi al proprietario.

Sono andati così a cercare l'uomo che davanti ai militari avrebbe detto di non sapere nulla di quanto lo accusavano. Sulla carrozzeria della macchina, invece, sono stati trovati invece dei danni che secondo i carabinieri sono compatibili con la dinamica dell'incidente e con la tipologia dello scontro e soprattutto con i detriti ritrovati sull'asfalto della rotonda. I pezzi trovati durante i rilievi sarebbero proprio quelli della Fiat Grande Punto modello Evo sulla quale ci sono anche degli schizzi di sangue. Secondo gli investigatori sarebbe il sangue di Andrea Tani.

Nell'abitazione dell'uomo, i carabinieri hanno anche trovato la maglia che il 38enne indossava il giorno dell'incidente. È stata sequestrata perché compatibile con le immagini scattate domenica scorsa che ritraggono l'uomo sul luogo dell'incidente, prima che fuggisse.
Indizi che dunque lascerebbero poco spazio ai dubbi, nonostante l'uomo si sia dichiarato estraneo ai fatti: avrebbe solo ammesso di essere passata da qualla rotonda negli attimi dell'inicidente, ma senza esserne coinvolto.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità