QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 9° 
Domani -3°9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 18 dicembre 2017

Attualità mercoledì 08 aprile 2015 ore 04:35

Stranieri in Val di Cecina, tra numeri e servizi

Una iniziativa di Welcome - immagine di repertorio

Due gli sportelli dell'associazione Welcome che forniscono aiuto e consulenza nel disbrigo di pratiche: "11 ore alla settimana non bastano"

POMARANCE — “Gli Sportelli Immigrati dell'Alta Val di Cecina, attivi in tutti i Comuni dell'area dall'anno 2000, dopo 14 anni di attività, sono stati ridotti a due soli”. A parlare è l'associazione Welcome in Val di Cecina Onlus che oggi gestisce, in virtù di una convenzione con le istituzioni, due sportelli che offrono gratuitamente servizi agli immigrati del territorio. A Pomarance il servizio è aperto al pubblico il venerdì dalle 11 alle 14 presso la Biblioteca Comunale; mentre l'altro, a Ponteginori, nello stesso orario, il giovedì, nella sede della scuola materna. Inoltre, il giovedì pomeriggio dalle 15,30 alle 17,30 un operatore di Welcome è presente presso il Commissariato di Volterra all'ufficio immigrazione distaccato della Questura di Pisa a svolgere servizio di mediazione.
Per un totale di 11 ore di apertura al pubblico, che comprendono anche 3 ore alla settimana per la compilazione on-line delle pratiche, su appuntamento. Troppo poche secondo l'associazione, che lamenta un monte ore insufficiente per rispondere alle esigenze del territorio.

I DATI. Numeri alla mano, complessivamente, nel 2014, le persone che hanno usufruito dei servizi sono stati 405, 299 allo sportello di Pomarance e 106 a Ponteginori. Di questi 86 sono nuovi utenti del servizio.
Gli accessi totali ai due sportelli ammontano a 763 e le domande on-line riguardanti il permesso o la carta di soggiorno, sono state in totale 188. A cui si sommano 42 pratiche, sempre on line, per altre richieste al Ministero secondo le normative vigenti.
Accedono allo sportello in prevalenza uomini (238 su 405 utenti) e le nazionalità dei cittadini stranieri vedono un altissimo numero di albanesi, seguiti da marocchini, kossovari, macedoni, ucraini, ma anche peruviani, indiani, nigeriani e pakistani. E ci sono anche alcuni italiani che usufruiscono di alcuni servizi.

LA DISTRIBUZIONE TERRITORIALE. Secondo i dati forniti in base al numero degli accessi, chi si rivolge ai servizi di Welcome risiede principalmente nel Comune di Pomarance (367 accessi su un totale di 763).
Il numero di visite degli immigrati di Montecatini Val di Cecina è pari a 53, prevalentemente allo sportello di Ponteginori, che però accoglie anche numerose richieste dai colli marittimi pisani: 41 tra Montescudaio, Guardistallo e soprattutto Riparbella (34 accessi).
Ben 213 sono gli accessi registrati dall'associazione, da parte di stranieri che abitano a Castelnuovo Val di Cecina, dove lo sportello stranieri è chiuso dal 2011.
Da Volterra, dove lo sportello c'è ed è stato affidato non più a Wecome ma all'Asp Santa Chiara, sono arrivate a Pomarance e Ponteginori 81 richieste (numero complessivo di accessi degli stranieri residenti a Volterra agli sportelli di Welcome) con 15 pratiche on line evase.
"Con la scelta di Volterra di affidare il servizio al Santa Chiara, è mancato al nostro servizio complessivo un giorno di apertura di 6 ore a settimana – spiega l'operatrice Chiara Molinari – Nel 2013 erano stati 442 gli accessi allo sportello di Volterra". "Molte sono le persone che riferiscono di rivolgersi all'ufficio di Volterra e poi, deluse, cercano risposte a Pomarance o Ponteginori - aggiunge -mentre prima gli utenti potevano recarsi a tutti gli sportelli sul territorio indistintamente e trovare lo stesso servizio e la stessa professionalità, adesso non è più così”.

LE RICHIESTE. I motivi per cui gli stranieri si rivolgono agli sportelli di Welcome sono principalmente legati al rilascio, l'aggiornamento o il rinnovo del permesso e della carta di soggiorno (ora Permesso Ce per soggiornanti di lungo periodo). Documenti che ciascuno straniero extra-comunitario, minori compresi, deve avere in regola per risiedere legalmente sul territorio italiano. Presentando idonea documentazione, vengono rilasciati dalla Questura e la presentazione della domanda può essere fatta anche on line, prima delle spedizione vera e propria dei documenti, tramite sportelli accreditati di patronati e associazioni, come sono quelli di Welcome.
Tra le altre richieste principali, per quanto riguarda gli utenti della Val di Cecina, vi sono poi l'invio della domanda di ricongiungimento familiare, procedura che consente allo straniero regolare di portare in Italia la famiglia; la compilazione della domanda per la richiesta della cittadinanza italiana, che viene presentata alla Prefettura; l'iscrizione all'esame per sostenere il test di lingua italiana, indispensabile oggi per ottenere il permesso di soggiorno di lungo periodo (valido 5 anni).
Alcuni si rivolgono agli sportelli anche per avere consulenza legale, che viene fornita nell'ambito dei servizi alla presenza di un avvocato.

TRA BUROCRAZIA E INTEGRAZIONE. Pratiche non semplici da sbrigare, che richiedono un gran numero di documenti da presentare e nozioni specifiche su una materia complicata quale è la legislazione sull'immigrazione in Italia. Eppure, procedure indispensabili per gli stranieri che in questi servizi riescono a trovare risposte alla necessità di regolarizzarsi.
“Il valore aggiunto della gestione degli sportelli da parte di un'associazione composta prevalentemente da migranti residenti in zona – spiegano da Welcome - offre la possibilità di autentica integrazione e partecipazione alla vita sociale, garantisce aiuto, anche di tipo linguistico, per facilitare la comprensione degli adempimenti, delle leggi, per garantire la regolarità di permanenza e la convivenza civile”. “Oltre all'assistenza tecnica e all'informazione – aggiungono - attraverso la nostra associazione cerchiamo di creare occasioni d'incontro e di integrazione, favorendo e gestendo anche direttamente corsi d'italiano per stranieri”.

Alessandra Siotto
© Riproduzione riservata

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Politica

Politica