QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 13° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 03 dicembre 2016

Lavoro domenica 28 dicembre 2014 ore 10:25

Un anno nero per l'agricoltura: non c'è l'olio

La Cia fa il bilancio, disastroso, del 2014: è uno tra i peggiori degli ultimi 30 anni; le condizioni meteorologiche hanno flagellato un settore già precario

PROVINCIA DI PISA — Gli agricoltori pisani ricorderanno il 2014 come un anno da dimenticare. Come spiega in una nota il direttore della Cia di Pisa Stefano Berti "nessun settore della nostra agricoltura si è salvato dai suoi effetti negativi: alle consuete difficoltà strutturali legate al mercato, quest’anno si sono aggiunti eventi atmosferici avversi, attacchi di parassiti di ogni genere".

Berti entra poi nel dettaglio: "i cereali hanno avuto perdite di produzione che vanno dal 40 al 70 per cento; il mercato ha avuto segnali positivi per il grano duro a partire dal mese di ottobre, ma oramai gran parte del prodotto non era più nelle disponibilità degli agricoltori, molti dei quali si sono trovati costretti a vendere alla raccolta per fronteggiare l’indebitamento con i fornitori e con le banche".

La produzione di vino è stata penalizzata, secondo la Cia pisana, "dalle piogge e dalle basse temperature estive che ne hanno penalizzato il grado zuccherino ed hanno fatto lievitare i costi dei trattamenti per combattere gli attacchi fungini di peronospora e oidio".

Particolarmente drammatico il bilancio della produzione di olio extravergine: "c’è stata una perdita media dell’80 per cento quantificabile in circa 8 milioni di euro in meno per gli olivicoltori senza contare i danni all’indotto (frantoi, settore commerciale, mezzi tecnici, manodopera)". "La causa principale è stata l’attacco abnorme di dacus oleae (la mosca dell’olivo) - spiega Berti - che ha trovato condizioni ambientali particolarmente favorevoli.

Non si sono salvati gli ortaggi, a cominciare dal pomodoro, "anche loro colpiti dalle conseguenze dell’elevata piovosità e delle basse temperature estive".

La zootecnia, sia bovina che ovicaprina, non ha invertito il trend negativo che la affligge da diversi anni. 

Secondo l'associazione di categoria ci sono, però, "segnali interessanti che lasciano ben sperare per il futuro". "C’è ad esempio Granarolo - spiegano - che sta investendo in Val di Cecina per la lavorazione e la trasformazione di latte ovino e c’è Mc Donald’s che ha dato un buon impulso alla produzione di carne Chianina con il lancio dell’Hamburger a base di carne DOP proprio chianina".
Tiene l’agriturismo, anche se "i costi di gestione legati agli adeguamenti alla varie normative ed il carico fiscale sempre più opprimente rischiano di far chiudere diverse strutture".

"A preoccupare gli agricoltori - si legge nella nota - non sono soltanto le annate negative, ma anche un contesto nel quale operare sempre più pesante e la burocrazia è ormai considerata una vera e propria calamità, poichè assorbe dal 25 al 30 per cento del tempo e dei costi di produzione".
Berti non manca di ricordare "la revoca dell’esenzione IMU da molti dei terreni agricoli con un aggravio stimato per difetto di circa un milione e trecentomila euro per gli agricoltori pisani.
Anche la tassazione locale per la Cia "è diventata insostenibile: un esempio ne è la tassa sullo smaltimento rifiuti che applicano i comuni; gli agriturismi vengono equiparati agli alberghi pur lavorando tre mesi invece di dodici e non beneficiando della stessa qualità del servizio".

"C’è esasperazione tra gli agricoltori, non ne possono più di essere considerati bancomat del fisco - conclude Berti - la Cia di Pisa chiederà un incontro a tutti i sindaci ed esporrà le ragioni dei propri associati, e non si escludono forme di mobilitazione innovative che prevedano il coinvolgimento dei cittadini che hanno compreso il ruolo insostituibile che l’agricoltura svolge per la salute, l’ambiente e l’assetto idrogeologico dei nostri territori".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità