QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 12° 
Domani 15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 21 novembre 2017

Attualità venerdì 10 novembre 2017 ore 17:35

I Cinque stelle per l'ospedale volterrano

Quartini, Galletti e Giannarelli

I consiglieri regionali Quartini, Giannarelli e Galletti hanno incontrato il direttore sanitario Colombai e Buselli: "Mantenere qui il presidio"

VOLTERRA — Andrea Quartini, Giacomo Giannarelli e Irene Galletti, consiglieri regionali M5S, hanno incontrato oggi il direttore sanitario del presidio di Pontedera-Volterra Renato Colombai e alcuni operatori sanitari. Invitati dal sindaco di Volterra Marco Buselli hanno ascoltato le loro indicazioni e concordato un altro sopralluogo all’ospedale volterrano il 23 novembre.

“L’obiettivo dev’essere mantenere il cuore del Presidio sanitario: pronto soccorso, medicina, chirurgia e ortopedia - ha detto Quartini Il minimo indispensabile per poter gestire le situazioni più acute e quindi salvare le vite di chi ha bisogno in questo territorio. Il presidio è di valore, ben organizzato, eppure ancora una volta è “punito” dai progetti della giunta regionale che vorrebbe ridurre i posti letto da 30 a 20 per medicina e da 24 a 10 di chirurgia. Una scelta senza senso poggiata su un criterio come quello del numero di abitanti che per Volterra è impraticabile”.

“In questo territorio infatti – ha aggiunto il Cinque Stelle - abbiamo l’auxilium vitae, riabilitazione con 104 posti, avanguardia unica sul territorio nazionale sulla riabilitazione; c’è una struttura INAIL da 40 posti di riabilitazione che serve tutto il territorio nazionale, un carcere con 180 detenuti, una REMS con 52 posti, e gli altri presidi sanitari più vicini sono a 40 chilometri di distanza. In questo quadro usare il criterio del numero di abitanti per tagliare è una presa in giro”.

“Senza contare che questa continua operazione al ribasso sul futuro per Volterra, a prescindere dagli esiti, comporta uno stress per chi ci lavora. Già è difficile trovare dei medici disponibili a sposare una piccola scelta di vita come lavorare presso questi presidi più lontani dai grandi centri, se poi chi governa non garantisce la sicurezza di un futuro stabile per la struttura si innesta un circolo vizioso scoraggiante” hanno precisato i Cinque Stelle concludendo “Sosteniamo da sempre il diritto a non emigrare per vedere soddisfatti i propri bisogni di salute e per questo difendiamo il presidio di Volterra”.

"L'incontro - ha commentato il sindaco Buselli - comunicato preventivamente alla Direzione aziendale, è stato lungo ed articolato, ed ha evidenziato appieno la complessità e la diversificazione dei servizi erogati a Volterra, fra Ospedale, Inail, Auxilium Vitae, Rems, ma anche col Carcere e l'Azienda Pubblica Servizi alla Persona Santa Chiara. E' un sistema che funziona al meglio, se non viene disarticolato nei punti chiave. Garantire la complessità delle cure, tale da poter affrontare al meglio le urgenze, e il tema dei posti letto ma soprattutto del progetto che c'è dietro ai posti letto e per il futuro dell'Ospedale, rappresentano le due criticità ineludibili, al momento irrisolte e oggetto del confronto in Regione, che, a quanto ci è stato comunicato, avverrà il prossimo 23 novembre".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità