QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 15°30° 
Domani 16°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 28 agosto 2016

Attualità lunedì 22 febbraio 2016 ore 09:16

"Sull'ospedale non cercavamo lo scontro"

Cgil non sembra propensa a scendere in piazza

Arriva la controreplica della Cgil alle parole di Buselli. Sembrano non esserci i presupposti per scendere in piazza a marzo: "

VOLTERRA — La Cigil controreplica alle parole del sindaco di Volterra Marco Buselli. Il primo cittadino aveva invitato il sindacato a scendere in piazza durante la manifestazione in difesa dell'ospedale che si terrà a marzo. Il sindacato spiega che le critiche non erano volte a sollevare uno scontro politico quanto a mettere in luce la carenza di personale.

Rispetto all'invito di Buselli, poi, la Cgil non dice espressamente no, ma sostiene che la manifestazione si svolegerà su troppi temi, molti dei quali non vedono la contrariertà del sindacato. Di seguito, il comunicato integrale.

In questi giorni il dibattito pubblico tra l'Amministrazione Comunale di Volterra e la CGIL Medici, scaturito dalla grave carenza di organico della Medicina ha assunto toni esasperati tra soggetti che in realtà, anche se con le reciproche differenze, hanno un obbiettivo comune, ovvero la difesa di un buon sevizio sanitario in alta Val Di Cecina.

L'intento della CGIL Medici era quello di sollevare un problema di grave carenza di dotazione organica dei Medici del reparto di Medicina e non quello di attivare uno scontro con l'Amministrazione Comunale. Del resto è noto l'interesse comune sul tema; come testimoniano le reciproche ed innumerevoli prese di posizione pubbliche, non rintracciabili per numero e spessore da parte di altri soggetti, sia sul fronte Istituzionale che su quello Sindacale.

Nel primo comunicato della CGIL medici, l'Amministrazione è stata chiamata in causa, solo in riferimento ai commenti di alcuni esponenti della giunta apparsi sui social-network, che lasciavano perplessi nel merito e nel metodo. Dall'amministrazione di Volterra ci saremmo aspettati una risposta su quei commenti, che facesse riferimento a delle opinioni espresse a titolo personale; invece ne è scaturito un dibattito con toni eccessivamente accesi. che ha prodotto solo uno spreco di energie da entrambe le parti, che dovremmo invece far confluire verso la USL Toscana NordOvest.

Per quanto riguarda l'iniziativa pubblica del 12 marzo, della quale apprendiamo solo adesso l'esistenza, ricordiamo al sindaco che questa Organizzazione, quando contattata direttamente e non a mezzo stampa, è solita concordare i percorsi di mobilitazione, fin dalla loro elaborazione, sulla base di elementi rivendicativi condivisi, relativi a programmi coincidenti. Da sempre queste sono le condizioni per poter parlare di una partecipazione vera ad un'iniziativa pubblica, anziché di una presenza tattica, utile solo ad evitare polemiche ormai inflazionate sull'assenza di questo o di quel soggetto; politico, sociale o sindacale che sia.

Ad ogni buon conto, da ciò che si apprende, nei comunicati trovati in rete, quella del 12 Marzo, appare una iniziativa su più temi come le la contrarietà alla fusione dei piccoli comuni, alla riorganizzazione della sanità toscana e all'applicazione della Balducci. La CGIL nonostante abbia espresso molte perplessità su questi temi, non ha una posizione pregiudizialmente contraria alla fusione dei piccoli comuni. Stesso dicasi sulla riforma della Sanità Toscana; l’unico tema su cui abbiamo già espresso una posizione inequivocabilmente contraria, riguarda l’applicazione delle soglie imposte dalla Balducci sull’area della Val di Cecina.

CGIL Pisa/FP CGIL Pisa/CGIL Medici

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità