QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 12° 
Domani 15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 21 novembre 2017

Attualità giovedì 02 novembre 2017 ore 13:05

Una mela per aiutare l'istruzione in Africa

Sabato 4 novembre i volontari del Movimento Shalom saranno davanti al supermercato per promuovere una raccolta fondi per un progetto in Burkina Faso

VOLTERRA — Da oltre 17 anni i volontari del Movimento Shalom realizzano la raccolta fondi delle Mele della Pace per sostenere i progetti di cooperazione internazionale dell'associazione. Anche i volontari volterrani del Movimento saranno presenti con un apposito stand la mattina di sabato 4 novembre presso il supermercato Coop.fi di Piazzale delle Colombaie per promuovere anche a Volterra questa l'iniziativa. Acquistando le mele si potrà sostenere un importante progetto dell'associazione in Africa.

Il Movimento Shalom ha fondato nel 2010 l’Institut Polytechnique Privé Shalom (IPS) a Ouagadougou, capitale del Burkina Faso, una università privata con le facoltà di agro-economia, diritto e scienze della comunicazione. La situazione economica del Paese fa sì che spesso ragazzi e ragazze molti meritevoli ma privi di mezzi economici debbano rinunciare al proprio diritto all’istruzione. L’IPS intende promuovere, attraverso l’assegnazione di borse di studio a studenti meritevoli, l’accesso ad una formazione di qualità e partecipare alla formazione di una generazione in grado di offrire contributi qualificati e significativi allo sviluppo dell’Africa.

"Se è vero che una mela al giorno toglie il medico di torno - dicono dall'associazione -, le mele Shalom fanno molto di più perché hanno il sapore dell’amore per il prossimo. Il contributo donato aiuterà a diffondere il diritto all’istruzione, un elemento indispensabile per contribuire al progresso dell’Africa, poiché senza conoscenza non può esserci sviluppo. Questo progetto, oltre a contribuire al processo di crescita dei paesi in via di sviluppo, costituisce un tentativo di contrastare l’esodo dei giovani africani che giungono sulle nostre coste in cerca di un’opportunità che nei loro paesi non trovano".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità