Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:30 METEO:VOLTERRA20°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 19 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Attualità domenica 16 novembre 2014 ore 08:05

Defibrillatori presto anche nelle scuole

Ieri la consegna alle associazioni sportive da parte del Comune che ha pensato anche alla manutenzione



POMARANCE — Con una piccola cerimonia al Teatro De Larderel di Pomarance, ieri, 15 novembre, l'amministrazione comunale ha consegnato alle associazioni sportive del territorio i defibrillatori semiautomatici che posso essere fondamentali in caso di emergenza. Un progetto importante che permette di avere questi apparecchi a disposizione nei luoghi dove si svolgono attività sportive.
Presenti il sindaco di Pomarance Loris Martignoni, insieme all'assessore allo sport Leonardo Fedeli, oltre ad altri esponenti dell'amministrazione comunale che con soddisfazione hanno annunciato che presto i defibrillatori dovrebbero arrivare anche nelle scuole di tutto il territorio. Una volta che però ci sarà il personale formato per utilizzare questi apparecchi. Infatti, seppure molto semplici da utilizzare anche senza bisogno del medico, l'utilizzo del defibrillatore, richiede di aver fatto un corso di formazione e superato un esame pratico.
La Misericordia di Pomarance, presente ieri mattina alla cerimonia di consegna, ha ribadito la propria disponibilità ad attivare i corsi di formazione necessari.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I lavori di rifacimento della rotatoria di Casagiustri. Nei prossimi mesi ci sarà anche la decorazione dell'area interna
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cultura

CORONAVIRUS