QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 10° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 17 novembre 2019

Cronaca venerdì 25 novembre 2016 ore 14:55

Oltre novecento casi di violenza in un anno

Sono 923 i casi individuati dall'Azienda Usl Toscana nord ovest nel 2015 tramite l'accesso al codice rosa. 124 riguardano minori



LUCCA — Con 496 casi registrati (169 solo nella ex Usl di Viareggio), è la provincia di Lucca a detenere il triste primato, seguono Livorno con 210, Massa Carrara con 151 e Pisa con 38 (per il territorio di Pisa i dati devono essere integrati con quelli dell’Azienda ospedaliero-universitaria pisana).

La maggior parte degli accessi al codice rosa è avvenuta per maltrattamenti (862). Seguono le richieste di aiuto per abusi (19) e per stalking (14). A questi dati devono poi essere sommati i 124 casi di maltrattamento nei confronti dei minori individuati dall'Azienda Usl Toscana nord ovest.

“Si tratta di numeri preoccupanti – afferma la direttrice generale, Maria Teresa de Lauretis -  ed in questo 2016 si registrerebbe un ulteriore aumento, ma che evidenziano anche l’importanza di questo percorso che consente di far emergere molte situazioni di disagio e di mettere in rete diverse istituzioni e competenze”.

In tutto il territorio aziendale è attivo il Codice Rosa, che accompagna in pronto soccorso chiunque sia vittima di violenza attraverso l'attivazione di una rete multidisciplinare di accoglienza, assistenza e sostegno. Ogni nostro pronto soccorso è in grado di accogliere, assistere e indirizzare le vittime ai servizi consultoriali e sociali, nel fondamentale rispetto della riservatezza, in stretta collaborazione con magistrati, forze dell'ordine, centri antiviolenza e associazioni presenti sul territorio.

In occasione della giornata del Fiocco Bianco, che simboleggia appunto la lotta alla violenza nei confronti delle donne ed anche nei giorni precedenti e successivi a questa data enti, istituzioni ed associazioni di tutto il territorio aziendale hanno organizzato un calendariodi iniziative, rappresentazioni, incontri, flash mob, installazioni, in grado di rendere partecipe tutta la cittadinanza del percorso compiuto e di far capire che la violenza di genere riguarda tutti ed è necessario un sempre maggiore impegno.




Tag

Acqua alta a Venezia, sui social si sdrammatizza così

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità