Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:VOLTERRA20°36°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 04 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Marmolada, due escursionisti vengono sfiorati dalla colata di ghiaccio

Attualità sabato 28 maggio 2022 ore 15:00

"Anche l'esercito per fermare i cinghiali"

Coldiretti a Roma per chiedere un piano di abbattimenti straordinario: "I ristori non sono la soluzione. Chiediamo un piano di eradicazione serio"



PISA — "Armati" di cartelli, bandiere e striscioni, una delegazione di imprenditori pisani ha partecipato a Roma, insieme a Coldiretti, alla manifestazione per chiedere "Un piano di abbattimenti straordinario per ridurre la popolazione dei cinghiali".

"Noi coltiviamo, i cinghiali raccolgono", "Basta danni e paura" si legge su alcuni cartelli esposti dagli agricoltori che in piazza Santi Apostoli hanno portato anche delle sagome di cinghiali a grandezza naturale "Per dimostrare concretamente - spiegano da Coldiretti- cosa significa trovarseli di fronte in strada, nei campi o davanti alla propria abitazione" e i prodotti tipici Made in Italy "Che rischiano di scomparire a causa della peste suina che colpisce i maiali ma non l’uomo".

“La battaglia nei confronti dell’emergenza ungulati – commenta Fabrizio Filippi, presidente Coldiretti Pisa e Toscana - va avanti da anni con quattro manifestazioni nazionali e tantissime a livello regionale e provinciale. La Toscana, grazie al nostro pressing e alla disponibilità della Regione Toscana, ha approvato una delibera che apporta importanti modifiche al Piano di Controllo della popolazione di cinghiale consentendo l’intervento diretto e immediato dei proprietari e conduttori dei fondi, ma solo se dotati di porto d'armi sotto il coordinamento della polizia provinciale ma è evidente non essere sufficiente per far fronte ad un numero in costante aumento. La presenza fuori controllo della fauna selvatica favorisce l’abbandono delle nostre campagne, crea danni incalcolabili alle produzioni e rappresenta un problema per sicurezza e la sanità. Chiediamo un piano di eradicazione serio. Usiamo l’esercito, se necessario, per riportare la situazione alla normalità e difendere le imprese agricole dalla calamità dei cinghiali e dei caprioli”.

"Alla fine della lunga mattinata - fa sapere l'associazione- è arrivato la prima risposta con l’impegno da parte del sottosegretario alla Salute Andrea Costa, che ha annunciato un'ordinanza subito per l’abbattimento sul territorio nazionale e il prolungamento dell’attività venatoria".

“I ristori non sono la soluzione che gli agricoltori chiedono; – conclude il presidente Filippi - la soluzione è il ripristino della normalità. Basta approcci ideologici”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel bollettino di oggi, domenica 3 Luglio, i nuovi contagi rimangono stabili. In Provincia di Pisa si registra una riduzione di oltre 100 nuovi casi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca