Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:08 METEO:VOLTERRA18°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
mercoledì 17 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Accesa a Olimpia la torcia olimpica: inizia il viaggio verso l’inaugurazione di Parigi 2024

Attualità sabato 15 aprile 2023 ore 19:15

Tir e bus in corteo contro il pedaggio in Fipili

Manifestazione itinerante con un corteo di mezzi pesanti contro il pedaggio sulla Firenze Pisa Livorno, ad organizzarlo Cna Fita Toscana e nazionale



SAN MINIATO — Un corteo di mezzi pesanti ha sfilato lungo la Firenze Pisa Livorno contro la scelta "ingiusta, penalizzante e discriminatoria di stabilire un pedaggio selettivo", ad organizzare la manifestazione CNA Fita Toscana con il supporto di CNA Fita Nazionale.

Corteo ed assemblea sulla strada di grande comunicazione Firenze Pisa Livorno.

All’appello di CNA Fita Toscana hanno risposto circa 100 tra camion e bus NCC, i componenti del corteo, molti di più alla assemblea svoltasi all’interporto merci di San Miniato. 

All’assemblea Patrizio Ricci Presidente Nazionale Unione CNA Fita; Mauro Concezzi Responsabile nazionale CNA Fita; Michele Santoni Presidente Unione CNA Fita Toscana e Mariacaterina Frallonardo Responsabile CNA Fita Toscana. Presenti anche alcuni parlamentari eletti nei collegi toscani, esponenti politici nazionali, regionali e locali, oltre ai presidenti CNA Fita di altre regioni italiane.

"Ricordiamo che all’inizio di quest’anno è partito l’iter per la nascita della società Toscana Strade spa che avrà, fra i suoi compiti, anche quello di riscuotere i pedaggi sulla superstrada, che saranno pagati, secondo l’ipotesi presentata dalla regione, esclusivamente dai mezzi pesanti. La nascita della società è avvenuta senza che mai siano state convocate le categorie che, poi, il pedaggio lo dovrebbero pagare davvero. Presumibilmente saranno sottoposti al pedaggio quelli che vengono definiti mezzi pesanti di stazza, cioè, uguale o superiore alle 3,5 tonnellate, dunque sicuramente i camion e, probabilmente anche i bus. CNA Fita Toscana successivamente all’annuncio della partenza dell’iter per la costituzione di Toscana Strade, ha avuto colloqui con i Gruppi Consiliari presenti in consiglio regionale per illustrare le ragioni della propria contrarietà all’ipotesi di pagamento di un pedaggio selettivo, ma dalla Giunta regionale si conferma chiara la volontà a proseguire con il progetto. Per questo CNA Fita Toscana ha deciso di organizzare l’iniziativa dimostrativa".

“Siamo stupiti da una iniziativa della Regione Toscana che sta valutando l’introduzione di un sistema di pagamento per la Firenze-Pisa-Livorno, una strada di competenza regionale, e per di più soltanto per i veicoli pesanti – afferma Patrizio Ricci Presidente nazionale di CNA Fita - . Un principio che, se passasse, potrebbe sancire una sorta di ritorno al feudalesimo dove ciascuno dei venti governatori delle regioni italiane potrebbe introdurre oneri, tasse e imposte a proprio piacimento. Con l’aggravante di un meccanismo di pedaggio selettivo discriminatorio per una intera categoria di lavoratori del trasporto merci e persone. Una misura che – conclude - oltre a penalizzare il settore a livello nazionale, si preannuncia fallimentare”.

“La scelta di far pagare un pedaggio solamente ad una categoria lo riteniamo ingiusto, discriminante e penalizzante per le nostre imprese – afferma il Presidente di CNA Fita Toscana Michele Santoni - . Non condividiamo l’idea di reperire fondi di gestione di un’opera di utilità pubblica esclusivamente dalle nostre aziende. I dati parlano chiaro: il traffico pesante sulla Fi-Pi-Li rappresenta solo il 15% della totalità dei veicoli che la percorrono giornalmente. Ricordiamo che il passaggio sulla SGC per i nostri mezzi è esclusivamente per lo svolgimento di servizi essenziali, spesso indispensabili per la cittadinanza. Non è giusto che la nostra categoria sia vittima del pregiudizio che ci accusa di essere causa di tutti i mali del traffico, degli incidenti e delle pessime condizioni della strada”.

Sull’ipotesi che il pagamento del pedaggio sia esteso anche ai Bus NCC è intervenuto anche Riccardo Bolelli Presidente nazionale e regionale CNA Ncc Bus “Siamo già abbastanza tartassati dai costi per entrare nelle città, dall’aumento dei carburanti e dalla diminuzione del lavoro dovuta alla pandemia – afferma -. Far pagare il pedaggio ai bus turistici sarebbe un vero accanimento e non considera che le nostre aziende fanno un servizio alle persone che potremmo definire ‘sociale’. Su una strada si può far pagare un pedaggio se questa offre i servizi come le piazzole, la corsia di emergenza, gli autogrill con i bagni per far fronte alla necessità di centinaia di persone. Ma su la Fi-pi-li non c’è niente di tutto questo”.

Dati sulla strada di grande comunicazione

FLUSSI DI MERCE sulla Firenze Pisa Livorno:

8,5 milioni di tonnellate di merci destinate al distretto delle pelli (Santa Croce, San Miniato, Montopoli);

135.000 veicoli prodotti dallo stabilimento Piaggio di Pontedera;

32 milioni di tonnellate di merci movimentate dal porto di Livorno alle quali aggiungere quelle dei cantieri navali;

8.000 euro stima dell’incremento medio dei costi di gestione per ogni camion.

(Fonte centro studi CNA)


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'Asl nord ovest dà il via alla selezione per l'ammissione ai corsi: 180 posti per il percorso 1000 ore e 270 per quello abbreviato. Come candidarsi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità