Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:33 METEO:VOLTERRA10°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 02 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il portuale di Trieste no vax che protestava contro il Green pass, ora è intubato: «Ho i polmoni distrutti, sono pentito»

Cronaca venerdì 20 febbraio 2015 ore 12:20

Beccati i ladri delle auto dei cacciatori

Grazie alle indagini dei carabinieri e all'aiuto delle telecamere, denunciati una madre ed il figlio che venivano da Torino 'in gita' per commettere i furti



VAL DI CECINA — Cinque i furti alle auto in sosta lungo la strada, avvenuti tra Montecatini Val di Cecina e Volterra nei mesi di dicembre e gennaio, per un totale di 2mila euro rubati. In particolare, nel primo pomeriggio del 16 dicembre due cacciatori, di ritorno da una battuta, si accorgevano che qualcuno, dopo aver infranto i vetri delle loro automobili parcheggiate lungo la SP 14 di Montecatini, avevano preso il portafogli rubando i documenti, pochi spiccioli e le carte di credito, che poi i malviventi avevano utilizzato per effettuare dei prelievi di contante.
Lo stesso episodio si era verificato con le stesse modalità sempre a Montecatini, sulla SR 68 il 21 dicembre; inoltre, altre due volte, il 14 gennaio, a Saline di Volterra. La scena era sempre la stessa: finestrini rotti, borsello mancante con all’interno documenti e bancomat.
Si sono messi al lavoro i Carabinieri delle stazioni di Pomarance e Ponteginori. Gli investigatori avevano come unico elemento le immagini delle telecamere dei vari istituti di credito in cui i ladri avevano prelevato indebitamente il contante con i bancomat rubati. Ma a questi volti bisognava però associare un nome. Gli uomini dell'Arma hanno iniziato a visionare i filmati delle telecamere di sorveglianza in loro possesso relative ai giorni dei furti ed è così che hanno riscontrato la presenza sul territorio di una vettura sospetta. Dai controlli l'auto è risultata intestata ad un 24enne di Torino, pregiudicato per reati specifici, la cui presenza sui luoghi dei furti destava numerosi sospetti. I militari hanno deciso di seguire la traccia ed hanno contattato i colleghi di Torino che hanno immediatamente riconosciuto l’uomo, nonché hanno identificato la donna che materialmente si occupava di effettuare i prelievi al bancomat. Si trattava della madre del ragazzo intestatario dell'auto, una 50enne gravata da numerosi precedenti specifici.
E' poi stato facile ricostruire la vicenda: madre e figlio partivano dal torinese e venivano “in gita” in Val di Cecina, ma invece di ammirare le bellezze del paesaggio, rubavano dalle auto contanti e bancomat che poi riutilizzavano. Il tutto per un danno complessivo che si aggira intorno ai 2mila euro.
Per tali fatti i due sono stati deferiti all’autorità giudiziaria per i reati di furto ed indebito utilizzo di carta di credito, nonché è stato irrogato a loro carico il provvedimento amministrativo del divieto di ritorno nei Comuni di Pomarance, Montecatini Val di Cecina e Volterra.  

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Avviso del gestore idrico che ha in programma la realizzazione di bypass sulla condotta di adduzione e distribuzione, tra giovedì e venerdì
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità