Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:VOLTERRA10°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 29 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
L'Italia in bilico. E se la smettessimo con le ipocrisie?

Attualità mercoledì 18 maggio 2022 ore 16:00

Infermiere di famiglia, già 60 persone in carico

Foto di repertorio

L'iniziativa è stata attivata nei piccoli Comuni delle Valli Etrusche. I sindaci fanno il punto con i responsabili dell'Ausl Nord Ovest



CASTAGNETO CARDUCCI — Si è svolto nella sala riunione della Casa della Salute di Donoratico l’incontro dei sindaci della Società della Salute Valli Etrusche presieduta da Sandra Scarpellini. Tra i punti all’ordine del giorno la presentazione del nuovo servizio del cosiddetto infermiere di famiglia che dal Dicembre scorso è attivo sul territorio delle Valli Etrusche con oltre 60 persone già prese in carico dai 9 operatori. 

“Il nuovo modello organizzativo promosso dalla Regione Toscana – ha spiegato Laura Brizzi, direttrice della SdS Valli Etrusche presente all’incontro assieme al direttore dello staff dell’Azienda Usl Toscana nord ovest, Francesco Bellomo – nasce per avvicinare la risposta sanitaria al domicilio del paziente, in modo da aiutare i cittadini ad accedere in maniera sempre più appropriata ai servizi sanitari e sociosanitari territoriali. Il servizio è condotto in stretta integrazione con il medico di medicina generale e con gli altri professionisti della salute che operano nella rete territoriale. L’infermiere di famiglia e di comunità orienta infatti persone e famiglie nella complessa rete dei servizi territoriali facilitandone l’accesso e la continuità assistenziale". 

“Ad oggi sono oltre 60 le persone già prese in carico dal servizio in questi primi mesi con grandi risultati. – ha detto Chiara Pini, direttrice dell’Assistenza Infermieristica per l’Ambito Livornese accompagnata dal dirigente di prossimità, Roberto Giuliani e da Anna Culicchi, responsabile infermieristica per il territorio delle Valli Etrusche – Il nuovo modello assicura non solo appropriatezza clinico-organizzativa, ma porta competenze multidisciplinari principalmente al domicilio dei cittadini nei loro momenti di maggiore fragilità. Il modello, nel rispetto della territorialità e della prossimità, prevede che ad ogni infermiere sia affidato un gruppo di popolazione identificato geograficamente”.

Attualmente gli infermieri impegnati in questo tipo di servizio sono nove e stanno operando sui territori dei Comuni di San Vincenzo, Sassetta, Suvereto, Monteverdi Marittimo, Guardistallo e Campiglia Marittima. Nei prossimi mesi il servizio arriverà a coprire anche Riparbella, Casale Marittimo, Montescudaio, Santa Luce e Castellina Marittima.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati, aggiornati alle ultime ventiquattro ore, emergono dal bollettino regionale. Il punto su positività e ricoveri nel Pisano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alessandro Canestrelli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Cronaca