Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:VOLTERRA16°33°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 18 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Corea del Nord: ritorno al 1950? Putin consacra la “monarchia rossa”

Attualità martedì 29 settembre 2015 ore 17:20

Risorse oltre il tetto del patto di stabilità

Fra i 52 Comuni che potranno spendere di più anche Cecina, con oltre un milione di euro e Castellina con circa 100mila euro di risorse sbolccate



CECINA — Sono 52 i Comuni di tutta la Toscana, fra cui Cecina e Castellina Marittima, che potranno spendere entro dicembre complessivamente 35 milioni e 100 mila euro in più, oltre il tetto imposto finora dal patto di stabilità: soldi che i Comuni già avevano in cassa ma non potevano uscire dal portafoglio.
In questo modo si potranno completare opere che altrimenti rischiavano di rimanere a mezzo o dover essere rinviate. Quello che i Comuni spenderanno in più nel 2015 ridurrà la capacità di spesa dei successivi due anni.

Per Cecina la maggiore capacità di spesa è di 1.330.251 euro, per Castellina Marittima è di 105.835,08

Tutto questo è il patto di stabilità orizzontale, che quest'anno vede 9 amministrazioni comunali cedere una quota dei loro spazi finanziari e 52 approfittarne. Con vantaggi per tutti: per chi riceve ma anche per chi cede, che nel 2016 e 2017 potrà in questo modo spendere di più.

I Comuni toscani avevano chiesto maggiori spazi per più di 38 milioni e mezzo; quelli ceduti sono stati un po' meno e di questi la giunta regionale ha dovuto tenere di conto per effettuare la ripartizione che è stata approvata nella seduta di ieri. "Abbiamo dato priorità ai Comuni che avevano bisogno di una maggiore capacità di spesa per realizzare interventi strategici di interesse regionale o con finanziamenti regionali - sottolinea l'assessore alla presidenza, Vittorio Bugli - progetti e opere in settori determinanti che per 14 milioni e mezzo su trentatré riguardano scuole, la prevenzione del rischio idrogeologici o la messa in sicurezza dopo dissesti che ci sono già stati".

Il patto di stabilità impone a Comuni ed enti locali, ogni anno, di non spendere oltre un certo tetto, anche se i soldi in cassa ci sono. C'è chi avrebbe bisogno di spendere di più o per lo meno di anticipare una spesa, per completare un intervento urgente, e c'è chi ad un certo punto dell'anno realizza invece che spenderà di meno, per i motivi più disparati, ma avrebbe magari la necessità di poter spendere di più l'anno successivoI Comuni possono cedere capacità di spesa ai Comuni e le Province alle Province: qualsiasi altro incrocio è vietato. Per questo le Province che avevano chiesto sette milioni e mezzo di maggiore spesa non potranno godere di alcuna quota: nessuna Provincia ha infatti operato cessioni.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Al via la tredicesima edizione della rassegna tra musica, spettacoli e talk: il programma andrà avanti per quasi due mesi tra Giugno e Agosto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Erica Fiumalbi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità