comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 11°20° 
Domani 11°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 30 maggio 2020
corriere tv
Fase 2, ecco la prima «cupola» per andare al mare

Attualità sabato 21 maggio 2016 ore 14:45

Giù le mani dal salgemma

L'appello arriva da Maurizio Marchi della onlus Medicina democratica: "Le royalties Solvay sono una monetizzazione della devastazione"



ROSIGNANO M.MO — La onlus Medicina democratica è intervenuta sulla mozione approvata all’unanimità in Regione e proposta da consiglieri del Pd per destinare le royalties al territorio. Si tratterebbe di circa un milione e mezzo di euro.

"E' l’ultima tappa di un percorso di svendita della Valdicecina - ha detto Marchi - che iniziò nel 1996 e che matura in un quadro di previlegi per le multinazionali e di soffocamento delle lotte popolari. Nel 1996, con la regia dei parlamentari Brunale e Carpi, con il contratto Solvay-Eti si sottrasse alla Salina di stato la sua unica ricchezza, il sale, destinandola al fallimento, regolarmente avvenuto".

"Solvay - ha proseguito Marchi - si appropriava di tutto il sale della Valdicecina, violando platealmente anche le regole della concorrenza, sotto l’occhio complice di Roma e di Bruxelles. Lotte popolari, proteste, ricorsi al Tar vinti contro il disseccamento della Valdicecina per l’acqua ad uso industriale e contro frane e subsidenze che circondano Saline di Volterra sarebbero ora vanificate dalla monetizzazione della devastazione e del rischio per il territorio e la salute".

Per Marchi "un milione e mezzo di euro lasciato al territorio sono niente a fronte di questa devastazione, che alla lunga costerebbe molto di più alla parte pubblica per i ripristini, o i non ripristini, come insegna la gravissima vicenda del sito Canova al mercurio. E non si accampi la fandonia della difesa dell’occupazione a Rosignano: la fabbrica inquinante e divoratrice di risorse naturali costruisca a Rosignano un dissalatore (ora, perché il suo tempo è scaduto) da cui ricavi acqua e sale, liberando la Valdicecina dal suo peso insopportabile: solo così si può dare una prospettiva certa ai lavoratori Solvay, non concedendole di sfruttare il salgemma fin che ce n’è: quando tra 30 anni sarà finito, che cosa proporranno i consiglieri Pd?".

Marchi è intervenuto anche sui pozzi: "Quanto all’acqua, che i cittadini della Valdicecina devono prendersi con le autobotti, mentre i pozzi Solvay non smettono mai di pompare, è incredibile dopo decenni di progetti di invaso, dal Cortolla a Idros a Puretta che la Regione abbia approvato l’ “innovativo “ progetto Solvay per 6 nuovi grandi pozzi nella val di Cecina, già trivellata da un centinaio di pozzi Solvay".

"La Valdicecina è sfinita - ha concluso - occorrono misure radicali per ridarle vita, prima tra tutte il dissalatore a Rosignano. La monetizzazione con 1,5 milione è un’offesa al buon senso, oltre che un gravissimo errore sociale ed industriale. Invitiamo la popolazione e le associazioni ad opporsi duramente a questo scempio morale, oltre che ambientale. Si chiedano semmai al governo fondi per il sostegno all’occupazione in Valdicecina, da utilizzare nelle bonifiche e nel recupero del territorio".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità