comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 12° 
Domani 11°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 29 maggio 2020
corriere tv
Coronavirus, Crisanti: «L'app Immuni ci farà buttare una montagna di soldi»

Cronaca mercoledì 12 novembre 2014 ore 17:49

Ucciso a martellate nel '91: il caso è riaperto

Indagati la moglie ed il cognato ad oltre vent'anni di distanza da quando il corpo venne trovato nei boschi tra Cecina e Montescudaio



LIVORNO — E' stata riaperta da poco l'indagine su un omicidio risalente al 1991 che grazie al l'esame del dna ha avuto una svolta: la Procura indaga la moglie ed il cognato della vittima.
Nei boschi del Livornese, tra Montescudaio e Cecina, 23 anni fa venne trovato il cadavere di un uomo di 45 anni, Francesco Della Volpe, che era risultato poi essere stato ucciso a martellate. 
Secondo la procura, il cognato di 59 anni E. F. le iniziali, insieme ad un'altra persona ancora da identificare, sarebbe l'autore materiale del delitto; mentre la moglie della vittima, C. G. che ora ha 57 anni, ne sarebbe stata l'istigatrice, probabilmente a causa del rapporto burrascoso con il coniuge.
Esaminati alcuni oggetti, fra cui un cappellino e dei guanti, rinvenuti sul luogo del delitto 23 anni fa: su quei reperti è stato trovato dna che sarebbe riconducibile al cognato della vittima e ad un'altra persona ancora da identificare.
Sulla moglie già i magistrati della prima inchiesta, poi archiviata, avevano nutrito dei sospetti. 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità