Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:VOLTERRA14°20°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 25 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella tra i primi al seggio a Palermo a votare per le elezioni

Lavoro mercoledì 24 marzo 2021 ore 09:40

Geotermia, "Due anni di inutile attesa"

"Da tanto si aspetta il ‘FER 2’, con la reintroduzione degli incentivi da cui dipendono gli investimenti, come promesso dalla politica", dice la Cisl



FIRENZE — Un appello a tutte le istituzioni per “risolvere, in tempi brevi, le problematiche” della geotermia toscana, legata agli incentivi economici cancellati due anni fa e da allora, malgrado le promesse, non reintrodotti; per un comparto che nella nostra regione da lavoro a oltre 1600 persone tra dirette (600) e indotto. 

E’ quello lanciato dal segretario generale Cisl Toscana Riccardo Cerza e dal segretario Flaei-Cisl Toscana Luca Lucietto che si dicono “fortemente preoccupati del perdurare di questa situazione di incertezza e di mancanza di decisioni chiare.” Flaei e Cisl della Toscana denunciano “lo stallo che sta vivendo ormai da troppo tempo la geotermia toscana”; a distanza di oltre 2 anni dall'emanazione del Decreto ‘FER 1’, che norma gli incentivi alle energie rinnovabili infatti, “nonostante le tante promesse elettorali manifestate in maniera trasversale nel tempo, ancora non ha avuto luce il nuovo Decreto ‘FER 2’ che dovrebbe prevedere nuovamente, a differenza del FER1, gli incentivi economici anche per la geotermia.” 

“La politica purtroppo – notano Cerza e Lucietto - non è riuscita in questo lungo periodo a giungere ad una conclusione, ma il ripristino degli incentivi per la geotermia è uno step fondamentale per dare futuro e prospettive a questa energia rinnovabile che, altrimenti, vedrà inevitabilmente ridotti in maniera esponenziale gli investimenti sul territorio e di conseguenza un impatto fortemente negativo a livello occupazionale e sociale.” 

"Altro crocevia fondamentale che dovrà essere risolto in tempi rapidi – aggiungono Cisl e Flaei - riguarda la scadenza delle concessioni geotermiche prevista per il 2024, di cui oggi è titolare Enel Green Power ma che saranno messe a gara pubblica. Anche qui dobbiamo evidenziare come la politica, a tutti i livelli, e con essa gli organi tecnici preposti, non sia riuscita a chiarire e definire i criteri e le modalità con cui questa gara dovrà essere espletata.” Un ritardo che “aggiunge ulteriore incertezza per gli attuali operatori nelle aree geotermiche”, tantopiù perché “gli investimenti minerari hanno necessità di un lungo periodo di tempo (anche 10 anni) per avere dei ritorni in termini di margini economici.” 

“Le modalità e i tempi con cui saranno gestite le concessioni” avvertono Cerza e Lucietto, non solo sono decisive per le aziende, ma “soprattutto per le ricadute che determinate scelte potranno avere sia sugli occupati attuali che per quelli futuri mettendo a rischio quella ‘buona occupazione’ che fino ad oggi è stata presente nelle aree geotermiche”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel bollettino di oggi, sabato 24 Settembre, i nuovi contagiati sono in leggera diminuzione rispetto a ieri. In Toscana registrati 5 nuovi decessi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Politica