Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:VOLTERRA19°25°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 05 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Vaccini, Speranza: «Unico strumento per chiudere questa stagione difficile»

Cultura venerdì 11 aprile 2014 ore 08:45

Garden Of Eden: una mostra sulla Genesi a Palazzo Viti

Il DoloresArt Laboratory presenta una rassegna con 9 artisti dedicata al giardino che ha visto nascere l'umanità



VOLTERRA — Garden of Eden, ovvero gli inizi dell'umanità è una mostra promossa dal Dolores Art Laboratory, inaugurata ieri, 10 aprile, a Palazzo Viti, in via dei Sarti 41 Volterra. 
Gli artisti che danno vita a questa mostra, visitabile fino al 15 giugno tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 14,30 alle 18,30 sono: Maurizio Bondesan, Catodo, Maria Dolores Cattaneo, Cristian Ceccaroni, Maya Cektovic, Samantha Lina, Lennette Newell, Mirella Ribaudo, Flavia Soppelsa.
L'Eden è la steppa, dove il Signore Dio piantò un giardino a oriente e vi collocò l'uomo appena plasmato. Nella descrizione biblica di questo luogo troviamo indicazioni botaniche, geografiche, mineralogiche: in pochi paragrafi il Giardino si popola di ogni sorta di animali, ai quali l'uomo stesso dà il nome. Nel Giardino dell'Eden ha luogo la molto discussa creazione di Eva. Eva diviene subito personaggio chiave nelle dinamiche della storia raccontata nella Genesi: la donna rappresenta il contatto fra il serpente e Adamo. Difficile riconoscere quote di responsabilità nelle decisioni prese all'interno del Giardino, decisioni che porteranno fuori dallo stesso.
Gli artisti si sono tutti concentrati sulla prima parte della storia proponendo una geografia piuttosto originale dell'Eden, alternando visioni di colori e vedute di paesaggio ad ipotesi cartografiche di camminamenti, piuttosto che di flussi d'acqua, all'interno del Giardino, fermandosi proprio al momento cruciale della proposta fatta dal serpente ad Eva. 
In termini di sviluppo narrativo del copione "Garden of Eden"si arriva sino ad un "thinking about", ad una riflessione sul da farsi; quasi implicita la necessità di completare il "Garden of Eden" qui proposto con un seguito di mostra in futuro. 
Il DoloresArt Laboratory conferma il suo interesse per una creatività orientata verso la narrazione, all'interno del mondo artistico contemporaneo.
Fonte: Ufficio Stampa

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono 109 i nuovi casi Covid positivi sul territorio pisano. Dall'inizio dell'emergenza sanitaria i contagi hanno superato quota 30mila
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità