QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 19°25° 
Domani 19°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 24 settembre 2019

Cultura sabato 30 maggio 2015 ore 11:59

Marco Rovelli fra libri e musica

Una serata con l'ex cantante e autore nel gruppo 'Les Anarchistes', fra il suo libro e il suo album come solista



VOLTERRA — Una serata a Volterra organizzato dallo Spazio Libertario 'Pietro Gori'. Alle 18,30 di oggi, sabato 30 maggio, in Via Don Minzoni 58 (di fronte al Museo Etrusco) ci sarà la presentazione del libro  "Eravamo come voi. Storie di ragazzi che scelsero di resistere" di Marco Rovelli, alla presenza dell'autore. Alle 20 apericena e a seguire, alle 21,30, nella sede del Teatro di Nascosto, scalette di Docciola, il concerto di Rovelli e la presentazione dell'album 'Tutto inizia sempre'. 

IL LIBRO. "Eravamo come voi. Storie di ragazzi che scelsero di resistere" (edizioni Laterza) è un libro che racconta storie di ragazzi partigiani, concentrandosi sulla "scelta" dei ragazzi tra i 14 e i 23 anni (la generazione degli anni Venti), ai quali viene posta una domanda semplice: perché avete deciso di fare i partigiani? Per rispondere, (non) basta una vita. E sono le loro vite, i loro percorsi, i loro incontri a essere raccontati in queste storie. Raccontare le resistenze, prima che la Resistenza. 
Raccontare la scelta significa dunque entrare nel dettaglio di vite singolari, per provare a comprendere quel salto che è il momento della scelta. Che diventa antifascismo esistenziale. Perciò gli incontri con meravigliosi ragazzi novantenni, per scrivere un libro di storie, che è soprattutto un libro di etica, se etica significa scelta.

L'ALBUM. Diversamente dall'album del progetto Marco Rovelli libertAria, connotato con sonorità più rock, in questo album solista, distribuito da Materiali Sonori, ambienti intimi e talvolta sinfonici si alternano a stanze più aperte ed esplosive, timbri acustici (la chitarra del maestroPaolo Capodacqua e il violoncello di Lara Vecoli). ai suoni del polistrumentista Rocco Marchi, che ha realizzato gli arrangiamenti.
“Da quel che amo, da quello solo dipenderò”, dice Chisciotte nella canzone a lui dedicata. Chisciotte incarna questa dimensione di “eroico furore” verso un altrove: da una parte combatte contro i mulini a vento. i detonatori dell'ingiustizia – contro i giganti, ovvero assalta il cielo; dall'altra combatte, nello stesso movimento, per la (sua) bellezza, Dulcinea, il suo Amore.
Ci sono, oltre all'immagine di Chisciotte, quattro figure di questo movimento di Amore e Utopia cantate in questo album: Carlo e Enrichetta Pisacane; Vittorio Arrigoni; Andrea Gallo; e la moltitudine dei migranti. E poi, le parole di poeti (Rebora, Pasolini).
MARCO ROVELLI. E' stato cantante e autore nel gruppo Les Anarchistes prima di intraprendere una carriera solista (pubblicazione del cd libertAria, insignito al Mei 2009 col premio Fuori dal controllo). Ha collaborato col Nuovo Canzoniere Internazionale. Come scrittore ha pubblicato Lager italiani, Bur 2006, Lavorare uccide, Bur 2008, e Servi, Feltrinelli 2009, Il contro in testa, Laterza 2012, La meravigliosa vita di Jovica Jovic, con Moni Ovadia) e collabora a diverse testate giornalistiche e riviste. In teatro ha coniugato le sue due attività di autore e musicista con spettacoli teatrali-musicali: Servi e Homo migrans, ambedue per la regia di Renato Sarti; La meravigliosa vita di Jovica Jovic (con Moni Ovadia) e La leggera (sul canto popolare toscano).



Tag

Giornata mondiale dell'Alzheimer: cosa si prova quando gli oggetti non hanno più senso?

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Spettacoli

Cronaca

Attualità