Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:32 METEO:VOLTERRA19°32°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
mercoledì 17 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Venezia, fanno sci d'acqua nel Canal Grande. Il sindaco offre una cena: «A chi individua i due imbecilli»

Cronaca venerdì 21 novembre 2014 ore 12:38

'Medici low cost': coinvolto pediatra volterrano

Maxi-operazione dei Nas per un giro di mazzette da centinaia di migliaia di euro per favorire l'uso di latte in polvere. In 18 agli arresti domiciliari



PISA — Una indagine dei Nas che ha riguardato quattro regioni: oltre alla Toscana, sono state eseguite perquisizioni anche in Liguria, Lombardia e Marche. In Toscana le indagini riguardano Livorno,  Piombino, la Versilia, Massa, Empoli, la provincia di Pisa, tra cui il pediatra Luca Burchi, 59 anni, residente e con ambulatorio a Volterra, finito agli arresti domiciliari insieme ad altri colleghi. 
Le tre aziende coinvolte, tra cui la Mellin e la Dms, cercavano con preziosi doni di indurre i pediatri a prescrivere latte artificiale.
L'esecuzione dei provvedimenti restrittivi a carico di 18 persone, 12 pediatri, di cui due sono primari, più 5 informatori scientifici di tre aziende produttrici diverse e un dirigente, giunge a conclusione di un' indagine, iniziata nel 2013 e condotta dai Carabinieri del Nas di Livorno, coordinati da Giovanni Porpora della Procura di Pisa, nell'ambito della commercializzazione di latte artificiale per l'infanzia.
Gli inquirenti parlano di un giro di mazzette per centinaia di migliaia di euro che sarebbero stati utilizzati per pagare i "regali" ai medici, dagli smartphone ai computer, dai condizionatori ai televisori, o viaggi in rinomate mete turistiche, Sharm el Sheik, India, Stati Uniti, Parigi, Londra, Istanbul e Crociere nel Mediterraneo e nord Europa. Regali che sarebbero serviti a convincere i medici a indurre le mamme ad usare latte in polvere anziché quello materno.

Tra  i medici finiti agli arresti domiciliari anche un altro medico molto conosciuto in Val di cecina: si tratta di Eros Panizzi, 61 anni, di Peccioli. Gli altri sono: Maurizio Petri, 64 anni, di Cascina; Fabio Moretti, 61 anni, di Chianni ma con ambulatorio a Pontedera; Marco Granchi, 61 anni, residente a Pontedera ma con ambulatorio a Ponsacco, Claudio Ghionzoli, 63 anni, residente a Pisa ma con ambulatorio a Cascina, Renato Domenico Cicchiello, 66 anni, con abitazione e ambulatorio a Livorno, Stefano Parmigiani 57 anni, residente a Parma, primario del presidio ospedaliero del Levante ligure di La Spezia, Roberto Bernardini, 57 anni, residente a Calcinaia e primario ospedale San Giuseppe di Empoli, Gian Piero Cassano, 65 anni, residente a Lido di Camaiore con ambulatorio a Viareggio, Marco Marsili, 59 anni, di Piombino, Roberto Rossi, 62 anni, residente a Palaia con ambulatorio a Capannoli.

Agli arresti domiciliari anche il dirigente della Dms Michele Masini, 50 anni residente a Limbiate, in provincia di Monza, e gli informatori Dario Boldrini, 33 anni, di Pisa, Valter Gandini, 70 anni, anche lui pisano, Vincenzo Ruotolo, 64 anni, di Grottammare (AP), Gianni Panessa, 59 anni, di Livorno, Giuliano Biagi, 35 anni, di Massa.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
223 le nuove positività al virus accertate in Toscana. Dal bollettino regionale i dati comune per comune aggiornati alle ultime 24 ore
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità