comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 17°22° 
Domani 17°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
mercoledì 23 settembre 2020
Giani
863.611
 
48.62%
Ceccardi
718.605
 
40.46%
Galletti
113.692
 
6.40%
Vigni
7.664
 
0.43%
Fattori
39.667
 
2.23%
Barzanti
16.061
 
0.90%
Catello
16.992
 
0.96%
corriere tv
Referendum, Crimi: «Informazione libera da interessi privati»

Cronaca venerdì 12 giugno 2020 ore 16:15

Covid, 155 pisani lo hanno preso a lavoro

​Nei primi cinque mesi del 2020 denunciati in Toscana 2.622 infortuni riconducibili al Coronavirus. Zero decessi in provincia, 6 in regione



PISA — L'Inail ha reso noto i dati relativi gli infortuni sul lavoro da Covid-19 denunciati dal primo gennaio al 31 maggio del 2020, compresi quelli con esito mortale

La regione più colpita resta la Lombardia che ha raccolto quasi il 56 per cento delle denunce complessive.

In Toscana, le persone che hanno contratto il SarsCov2 sul lavoro sono stati complessivamente 2.622, il 5,6 per cento del totale nazionale (47.022 infortuni) e di questi 6 sono decedute, il 2,9% delle 208 vittime sul lavoro provocate dal coronavirus in Italia.

Per quanto riguarda il territorio della provincia di Pisa sono 155 le persone che hanno contratto il virus a lavoro, 109 donne e 46 uomini. Nessuno è deceduto.

Le province più colpite sono state quelle di Firenze (41,6 per cento), Prato (11,4), Pistoia (9,4) e Massa Carrara (9,2). Tre infortuni per Covid con esito mortale sono avvenuti in provincia di Prato, 2 in provincia di Firenze e 1 in provincia di Massa Carrara.

Sempre in Toscana 74,6 per cento del totale degli infortuni da Covid in Toscana ha riguardato donne. La classe di età più colpita è quella compresa fra i 50 e i 64 anni.

Che lavori facevano i contagiati. Il settore della sanità e dell'assistenza sociale – che comprende ospedali, case di cura e di riposo, istituti, cliniche, policlinici universitari, residenze per anziani e disabili – ha registrato, insieme agli organismi pubblici preposti alla sanità, l’81,6 per cento delle denunce a livello nazionale (e il 39,3 dei casi mortali). Seguono i servizi di vigilanza, pulizia, call center, il settore manifatturiero (industria alimentare, chimica e farmaceutica), le attività di alloggio e ristorazione e il commercio.

In Toscana, il 44,4 per cento delle denunce di infortuni sul lavoro per Covid ha riguardato tecnici della salute (e di questi l'80 per cento sono infermieri), il 20 per cento operatori socio sanitari, il 9 medici, il 7,5 operatori socio assistenziali.

Qui sotto la scheda riassuntiva della Toscana predisposta dall'Inail.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità