Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:VOLTERRA18°33°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 27 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Cos'è la sindrome da long Covid e chi rischia di più?

Attualità mercoledì 05 gennaio 2022 ore 16:14

Guardia medica, l'Asl attiva le sedi limitrofe

La misura frutto di un accordo con la continuità assistenziale, ha l'obiettivo di coprire tutte le zone e far fronte alla mancanza di medici



PISA — L'Asl nord ovest attiva le sedi limitrofe come misura per coprire tutte le zone e far fronte alla mancanza di medici

"A causa dell’ormai nota carenza di medici, a livello nazionale e regionale - si legge in una nota-  anche sul territorio dell’Azienda Usl Toscana nord ovest nelle ultime settimane si sono registrate difficoltà nella copertura del servizio di continuità assistenziale (guardia medica)".

“Il problema esiste - evidenzia la direttrice del dipartimento della Sanità Territoriale, Antonella Tomei - e da tempo lo stiamo affrontando come autentica priorità in ambito aziendale, monitorando la situazione e intervenendo in tempo reale per ogni criticità o disagio segnalato nei vari territori.

Abbiamo attivato le sedi limitrofe, una misura che dovrebbe essere eccezionale ma che adesso viene attuata in modo strutturale, in virtù di un accordo con la Continuità assistenziale. Grazie a questo provvedimento, anche in vista del prossimo fine settimana, quello che segue la festività dell’Epifania, in tutta la Asl al momento non risultano zone scoperte. Inoltre, per tutto il mese di gennaio è stata potenziata, con un’unità di personale in più nei festivi e prefestivi, la centrale di Livorno, per incrementare la capacità di fornire risposte telefoniche alla cittadinanza. Certo, i numeri del personale di guardia medica sono molto risicati e le richieste in continuo e consistente aumento, ma stiamo facendo tutti gli sforzi possibili per garantire comunque questo importante servizio territoriale”.

“C’è da sottolineare  - conclude la direttrice- che alla carenza di personale, generalizzata su tutto il territorio nazionale e regionale, si aggiunge la pandemia che sicuramente rende la situazione più complicata. Dobbiamo però anche considerare che nei casi più complessi legati al contagio da Coronavirus intervengono le nostre Usca, unità speciali di continuità assistenziale, che lavorano in maniera integrata con i medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta e la stessa continuità assistenziale e che monitorano lo stato di salute delle persone positive al proprio domicilio”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel bollettino di oggi, giovedì 26 Maggio, leggero aumento di nuovi contagiati. Più casi anche in Provincia di Pisa e oltre 11mila tamponi effettuati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità