Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:45 METEO:VOLTERRA12°22°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 13 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Rocco Hunt fa visita agli Azzurri in Germania per Euro 2024 e canta nello spogliatoio:

Attualità venerdì 14 aprile 2023 ore 15:54

L'olio vegetale dalla cucina al motore

Dalla provincia di Pisa ben 4 tonnellate di olio esausto per il progetto Hove. E' stato raccolto e trasformato in biocarburante



PISA — Grazie al recupero di oltre 1.540 tonnellate di olio vegetale esausto, nel 2022 sono stati prodotti 1,7 milioni di litri di biocarburante idrogenato. E' il risultato di Hove, il progetto nazionale del Gruppo Hera per la raccolta e trasformazione degli oli vegetali esausti.

"La provincia di Pisa - si legge in una nota di Hera-  è stata protagonista significativa di questo progetto di transizione energetica, grazie agli oli raccolti nei 17 punti di ristoro Camst group, Cirfood, Elior e Roadhouse: 10 nel comune di Pisa e i rimanenti nei comuni di Bientina, Calcinaia, Cascina, San Giuliano Terme, Santa Croce sull’Arno e Volterra. Complessivamente, in provincia sono state raccolte circa 4 tonnellate di oli di scarto, che hanno consentito di produrre circa 4.300 litri di biocarburante idrogenato.

Una volta pretrattati, gli oli vengono convogliati alla bioraffineria Eni di Venezia a Porto Marghera, dove, grazie alla partnership fra Hera ed Eni, vengono trasformati in biocarburante idrogenato.

"Oltre alla protezione ambientale (gli oli vegetali esausti se non smaltiti correttamente possono essere molto pericolosi per la natura) - sottolinea il Gruppo Hera- l’attività costituisce un tassello rilevante della transizione energetica. Il biocarburante, infatti, abbatte sensibilmente le emissioni di anidride carbonica rispetto ai processi di produzione del gasolio tradizionale senza necessità di modifiche al motore o agli impianti di distribuzione e dunque può accompagnare la progressiva elettrificazione del trasporto leggero, oltre a essere un’immediata soluzione per i segmenti non facilmente elettrificabili come, ad esempio, il trasporto pesante, marittimo e aereo".

Nel segno della piena circolarità, una parte del biocarburante prodotto a Porto Marghera, ritorna a Hera, che vi alimenta una parte della flotta dei mezzi destinati alla raccolta dei rifiuti urbani.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno