Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:VOLTERRA14°20°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 30 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Fiume di fango sfiora le case: a Formia frana la montagna dopo il nubifragio

Politica mercoledì 30 settembre 2015 ore 19:58

Sanità: Rifondazione sostiene il referendum

Immagine di repertorio

Appello dei Circoli locali del Partito a firmare per chiedere l'abolizione della legge regionale sulla riforma del sistema sanitario



POMARANCE — I Circoli dell’Alta Val di Cecina del Partito della Rifondazione Comunista sostengono il referendum e invitano i cittadini a fare "una firma per difendere il Servizio Sanitario Regionale, una firma per difendere la sanità pubblica".

"La legge regionale toscana n. 28/2015 è la normativa che lo scorso marzo ha riordinato l’assetto istituzionale e organizzativo del Servizio Sanitario Regionale - spiegano dal partito in una nota -  Dal 1 luglio le 12 AUSL toscane sono state accorpate in 3 aziende, una per area vasta (Toscana centro, Toscana nord-ovest e Toscana sud-est) guidate oggi da Commissari e Vice-Commissari, domani da Direttori che avranno nelle loro mani un enorme potere decisionale e che risponderanno direttamente al Presidente della Giunta Regionale, che li nomina, in una logica tutta economica di risparmio e di taglio dei servizi e delle prestazioni a partire dai territori più periferici". "Questo significa che le aziende sanitarie locali non esistono più - aggiungono - Questo significa che saranno accentrati i servizi nei capoluoghi, svuotati gli ospedali periferici e i piccoli ospedali che presidiavano le zone disagiate, tagliati servizi e prestazioni".
"La Legge 28/2015 creerà una struttura gigante e pesantissima, poco trasparente - proseguono dai Circoli di Rifondazione - inoltre, i Vice-Commissari nei prossimi mesi dovranno individuare personale in eccedenza che sarà mandato in pensione forzata senza essere sostituito". "Si tratta di oltre 2mila operatori sanitari in meno: medici, infermieri, tecnici - sostengono - Ci dicono che questo non influirà sui servizi ma già i Pronto Soccorso, l’attività chirurgica programmata e una serie di specialistiche faticano a rispondere efficacemente a quelle che è la richiesta dei cittadini, proprio per mancanza di personale".

Spiegano poi che nella Regione si è costituito un Comitato per chiedere l’abrogazione, attraverso un referendum regionale, della Legge. Rifondazione Comunista "è stato tra i promotori del Comitato referendario e ha dato un importante contributo alla prima fase di raccolta delle firme necessarie per poter chiedere l'ammissibilità del quesito".

Dai Circoli ricordano che è possibile firmare presso gli uffici comunali (Anagrafe) dove sono reperibili i moduli ed è necessario avere un documento di riconoscimento.                                                                                                                                                                                                                                                           


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un mese di iniziative, enogastronomia e spettacoli nella frazione, dove ritorna anche la processione della Madonna del Conforto dopo lo stop per Covid
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca