comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:55 METEO:VOLTERRA7°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 17 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'usura al tempo del Covid: così le mafie stanno soffocando l'economia | Roberto Saviano

Attualità lunedì 25 agosto 2014 ore 13:51

Primo settembre, si può sparare agli uccelli

Fissata a inizio mese la preapertura della caccia in tutta la Toscana. L'elenco delle specie che è lecito abbattere a Pisa per la giunta regionale



PROVINCIA DI PISA — Il primo settembre in Toscana si comincia a sparare agli uccelli. Si sta parlando di caccia. La delibera della giunta regionale approvata nella mattinata di oggi, prevede per il 2014, che la prima giornata di preapertura dell'attività venatoria sia il primo settembre. Ecco a quali specie, provincia per provincia, sarà consentita sparare da appostamento dalle 6 alle 19

A Pisa si potrà sparare a tortora (Streptophelia turtur), colombaccio, merlo, gazza, ghiandaia e cornacchia grigia ed esclusivamente da appostamento fisso nei laghi artificiali e nelle superfici allagate artificialmente, alzavola e germano reale.

Ad Arezzo Firenze, Grosseto, Massa-Carrara fucili spianati sempre contro la tortora (Streptophelia turtur), colombaccio, merlo, gazza, ghiandaia e cornacchia grigia.
A Livorno saranno sotto il tiro dei cacciatori ancora tortora (Streptophelia turtur), colombaccio, merlo, gazza, ghiandaia e cornacchia grigia solo sul territorio a caccia programmata dell'Atc LI 9, ed esclusivamente da appostamento fisso nei laghi artificiali e nelle superfici allagate artificialmente: alzavola, germano reale e marzaiola.
A Lucca e a Pistoia gli “sportivi” spareranno a: tortora (Streptophelia turtur), colombaccio, merlo, gazza, ghiandaia e cornacchia grigia ed esclusivamente da appostamento fisso nei laghi artificiali e nelle superfici allagate artificialmente, alzavola, germano reale e marzaiola.
A Siena fuoco aperto sempre sulla tortora (Streptophelia turtur), colombaccio, merlo, gazza, ghiandaia e cornacchia grigia su tutto il territorio provinciale con l'esclusione delle aree boscate, costituite da almeno un ettaro di superficie, di larghezza non inferiore a metri 50, non interrotte da coltivazioni o corsi d'acqua.

Per quanto riguarda storno (sturnus vulgaris) e piccione (columba livia varietà domestica) si potrà aprire il fuoco da appostamento solo nelle province dove si effettua l'apertura anticipata della caccia, fermo restando il divieto di abbattimento nei territori sottoposti a divieto di caccia e nelle Zps, le zone di protezione speciale.



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca