Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:VOLTERRA17°26°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 17 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Forum sul clima, Draghi: «Finora siamo venuti meno agli accordi di Parigi, possibili conseguenze catastrofiche»

Attualità martedì 16 marzo 2021 ore 13:00

I sindaci: "Non venite nelle seconde case"

I sindaci della Valdicornia e della Bassa Valdicecina, preoccupati per l’aumento dei contagi, rivolgono un appello ai proprietari delle seconde case



PIOMBINO — I sindaci delle Valli Etrusche, che comprende la Bassa Val di Cecina e la Val di Cornia, hanno firmato un appello per invitare le persone a non raggiungere le seconde case si trovano nel territorio vista la criticità che si sta attraversando in fatto di aumento di contagi.

“Da qualche settimana sono in salita i numeri dei contagi nei comuni della zona sanitaria Valli Etrusche che comprende i comuni di Bibbona, Casale Marittimo,Castagneto Carducci, Castellina Marittima, Guardistallo, Montescudaio, Riparbella, Santa Luce, Rosignano, Cecina, Campiglia Marittima, Monteverdi Marittimo, San Vincenzo, Piombino, Sassetta, Suvereto. - si legge nel documento - Per questo motivo come sindaci sottoscriviamo un appello che rivolgiamo a tutti i proprietari di seconde case affinché in questo delicato momento evitino di venire nei nostri territori. Turismo e accoglienza sono per noi fondamentali, ma in questo momento non sono garantibili. Non si tratta di non essere ospitali o di pensare che da fuori arrivino gli ‘untori’, ma è un appello che facciamo con senso di responsabilità, a tutela anche dei cittadini di seconda casa. La situazione di saturazione dei posti letto dedicati ai malati covid e alle terapie intensive nei nostri due ospedali di riferimento già ora causa trasferimenti a Livorno. È dunque già al limite la garanzia di un'adeguata copertura ospedaliera con i nostri cittadini”.

“Il virus sta circolando, la Toscana ha un fattore di rischio arancione da settimane con situazioni critiche che si spostano tra province, e il nostro timore è che il sistema sanitario non regga la pressione. - hanno aggiunto - Siamo una zona accogliente e appena le condizioni lo consentiranno riaccoglieremo i nostri cittadini delle seconde case a braccia aperte, ma ora chiediamo a loro un atto di amore verso il nostro territorio”.

Attualmente è possibile recarsi nella proprietà solo per una persona per nucleo familiare e con rientro nella stessa giornata.

“Questi comportamenti saranno controllati e chiederemo un confronto con le Prefetture di Livorno e Pisa in tal senso, ma ciò che vale di più è la responsabilità individuale. - hanno concluso i sindaci - Le Valli Etrusche vivono una fase difficile della pandemia, aiutiamoci ad uscirne prima possibile con il contributo di tutti. Grazie per la collaborazione, in attesa di accogliere tutti in sicurezza”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Usl nordovest rassicura sul fatto che le ostetriche che andranno in pensione saranno regolarmente sostituite e non ci saranno carenze organiche
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

CORONAVIRUS

Attualità