QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 17°29° 
Domani 17°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 18 luglio 2019

Politica martedì 02 settembre 2014 ore 13:45

Il centro sinistra contro le tasse

Secondo i Democratici, le scelte dell'amministrazione penalizzano i cittadini, le associazioni sportive e non distinguono tra fasce deboli e fasce forti



GUARDISTALLO — "Al momento della discussione in consiglio comunale per la voce più importante del bilancio di previsione, la IUC, sono state prese decisioni che ci trovano in totale contrasto". Queste le parole di Rita Pampana, capogruppo dei Democratici per Guardistallo in riferimento alla seduta del Consiglio Comunale di Guardistallo del 22 agosto in cui è stato approvato il bilancio di previsione 2014, insieme alle tariffe dei tributi che i cittadini saranno chiamati a corrispondere nei prossimi mesi.

Per quanto riguarda la TARI (Tassa sui Rifiuti) l'opposizione spiega che "sono state ridotte le tariffe alle attività di bar e ristoranti caricando il gettito mancante sulle utenze domestiche e, soprattutto, sulle altre attività economiche, che vedranno aumentare il tributo anziché diminuire in misura pari all’addizionale 2013 di 0,30 euro al metro quadrato non più dovuta".
"Le motivazioni sostenute dal Sindaco e dal funzionario dell’Ufficio Tributi - commenta Pampana - sono state approssimate e contraddittorie, in evidente contrasto con le premesse in delibera e i numeri riscontrabili nei relativi allegati". "Siamo consapevoli - aggiunge l'esponente del centro sinistra - dell’oneroso carico tributario che grava su bar e ristoranti con l’introduzione della Tari, che non a caso beneficiavano già dei parametri minimi, ma da un quadro così confuso e mal presentato resta da capire se il tributo sia stato ripartito equamente tra i vari settori delle attività economiche".

"La situazione è ancora più paradossale" secondo il centro sinistra per quanto concerne la TASI, la Tassa sui Servizi Indivisibili: "è stata deliberata un’aliquota del 2 per mille con l’applicazione di una detrazione indistinta di 50 euro sull’abitazione principale, solo nel caso di un unico occupante sopra i 65 anni, senza tenere in considerazione reddito e patrimonio del soggetto beneficiario". Questa tassa secondo i Democratici "non distingue tra fasce deboli e fasce forti di contribuenti e imporrà di pagare il tributo anche a tanti cittadini che non pagarono l’IMU nel 2012". 
"Alle osservazioni della minoranza in merito alla non equità di questa tassa - spiega Pampana - è stato risposto che applicare indistintamente la detrazione a tutti i contribuenti ultrasessantacinquenni sarebbe stato molto più semplice che attribuirla secondo i parametri ISEE". "La bizzarra considerazione - prosegue - è stata confermata anche dal funzionario dell’Ufficio Tributi, che, nello stupore generale, ha definito l’ISEE uno strumento inefficace perché i cittadini non dichiarano il vero".
Per la TARI, dunque, secondo l'opposizione "i benefici vengono riconosciuti in base all’ISEE, per la TASI no".

La minoranza spiega che per l’IMU "la nuova amministrazione ha aumentato la tassa sulle pertinenze delle abitazioni secondarie dal 9 per mille al 10,4 per mille per recuperare un gettito teorico di 7mila-9mila euro".

"Una diversa progressione della TASI - illustra Pamapana - avrebbe evitato l’ennesimo aumento dell’IMU, il taglio di 3mila euro all’Associazione sportiva e l’azzeramento del contributo a sostegno della spesa per la frequenza dell’asilo nido".

L'opposizione cita poi Il programma della maggioranza dove si parla di "mantenimento e sviluppo di aiuti alle fasce meno agiate, alle famiglie e ai giovani”  e  dello sport come "un’alta funzione sociale, salutistica, educativa e di divertimento" per cui il programma si propone di "potenziare le convenzioni per le attività sportive".
"Si vede - conclude la nota dei Democratici per Guardistallo - che la campagna elettorale è finita".

Fonte: Democratici per Guardistallo



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica

Politica