Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:30 METEO:VOLTERRA19°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 25 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Funerali di Stato per Attanasio e Iacovacci: la moglie dell'ambasciatore in prima fila con le figlie

Attualità martedì 01 settembre 2015 ore 12:12

Chiudere la discarica di Buriano: un atto grave

Immagine di repertorio

I sindaci della Val di Cecina chiedono un incontro in Regione a seguito della decisione della Provincia di chiudere la discarica comprensoriale



MONTECATINI VAL DI CECINA — A seguito della decisione della Provincia di chiudere il sito, il sindaco di Volterra Marco Buselli aveva spiegato nei giorni scorsi che "quella nel Comune di Montecatini è un'area importante e può avere delle potenzialità da studiare, a prescindere dalla discarica, anche come area di stoccaggio e selezione dei rifiuti, prima che vengano conferiti in discarica, riducendone quindi la quantità da portare nella discarica stessa". 

Ieri, lunedì 31 agosto, è stato fatto il punto durante l’assemblea dei soci di Asv, la partecipata totalmente pubblica dei Comuni di Montecatini, Volterra, Pomarance, Castelnuovo e Casale Marittimo, che gestisce la discarica di Buriano

Durante l'incontro, al quale hanno partecipato i sindaci del territorio ed i vertici di Asv, è emersa la volontà di chiedere l'intervento della Regione ed un incontro urgente con il governatore Enrico Rossi

I sindaci del territorio, compatti, non accettano quindi la decisione della Provincia, che ha decretato la fine del sito di Buriano in favore di quello di Legoli e parlano di un "atto gravissimo, una mossa unilaterale che mette in ginocchio il territorio nel momento peggiore".

L'intento dei primi cittadini è che l’area di Buriano possa continuare a rivestire un ruolo strategico per tutta l’Alta Valdicecina e che possa trasformarsi in una zona per potenziare la raccolta differenziata ed agire sulla riduzione dei rifiuti. 

La discarica chiusa con un atto dalla Provincia, in seguito a controlli dell’Arpat che hanno riscontrato il superamento di sostanze inquinanti, come ammoniaca e metalli pesanti, nelle acque sotterranee del sito e, sempre secondo Arpat sono "state ampiamente superate le quote di progetto approvate, stante un surplus di rifiuti conferiti, e di conseguenza la necessità di cessare i conferimenti nonché di procedere alla messa in sicurezza dell’impianto".

Servono però soluzioni perchè la chiusra della discarica rappresenta un altro durto colpo all'economia e alle amministrazioni della Val di cecina.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

CORONAVIRUS

Cultura