Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:49 METEO:VOLTERRA18°30°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 23 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
«Tanti auguri Presidente», ecco il videomessaggio dell'Italia Team per il compleanno di Mattarella

Spettacoli giovedì 09 aprile 2015 ore 10:57

Concerto classico nella nuova sala della musica

Domenica a Montecastelli Mozart, Beethoven e Schubert: dopo l'inaugurazione del nuovo spazio, un appuntamento rivolto a tutta la cittadinanza



CASTELNUOVO VAL DI CECINA — L'inaugurazione alla presenza delle autorità c'è stata il 31 marzo, ma il primo concerto, nel pomeriggio, era riservato agli invitati. Per questo domenica 12 aprile alle ore 17,30 tornerà a Montecastelli Pisano la classica con un concerto nella nuova Sala della musica. Il primo appuntamento di una lunga seria che vedrà protagonista questo spazio recuperato.
Un programma musicale che spazia dal classico al romantico. Gli esecutori saranno Edoardo Brunetti, studente del Liceo classico di Volterra, che frequenta il nono anno di Pianoforte presso il Conservatorio statale di La Spezia, e Philipp Bonhoeffer, strumentista e liutaio molto apprezzato, nonché artefice del restauro della ex chiesa della Compagnia.
Saranno eseguiti la Sonata per Violino e Pianoforte in Mib maggiore KV 302/293b di Mozart, la Sonata per Violino e Pianoforte in Mib maggiore op. 12 n. 3 di Beethoven e la Sonata per Viola e Pianoforte in La minore D 821 “Arpeggione” di Schubert.
Mozart compone questa sonata (1778) nei primi mesi del suo soggiorno tedesco a Mannheim e supera, per la prima volta, la vecchia concezione della sonata con la parte pianistica predominante: ai due strumenti, infatti, viene concessa pari dignità. Composta un ventennio dopo quella di Mozart, la sonata di Beethoven (1797-98) apre a un virtuosismo e a una complessità di scrittura ben più profonde e, nonostante la giovane età del compositore, si può già presagire quello stile romantico e tragico del Beethoven che tutti conosciamo. La più romanica delle opere in programma è stata composta da Schubert per l'Arpeggione (1824) una chitarra ad arco a sei corde inventata e costruita a Vienna l'anno prima, andata presto in disuso. Eseguita oggi con il Violoncello o con la Viola presenta grandi difficoltà tecniche per questi strumenti e impone all'esecutore un notevole virtuosismo. 
Il pianoforte del giovane Brunetti e l'esperto Bonhoeffer alla viola e al violino, regaleranno sicuramente un bel pomeriggio agli spettatori, seduti in platea sulle 99 sedie, tutte diverse, della nuova Sala della musica.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lieto evento cui ha assistito, con successo, l'equipaggio dell'ambulanza 26. Ai genitori le congratulazioni da parte di tutta l'associazione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Imprese & Professioni

Cronaca

Cultura