Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:03 METEO:VOLTERRA20°32°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 11 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Blitz dei Nas nei parchi acquatici, chiuse 10 strutture: «Piscine piene di batteri e pericolose»

Sport martedì 10 settembre 2019 ore 09:46

Andrea sfida la disabilità lungo la Francigena

Riparte mercoledì 12 settembre l'avventura dell'atleta paralimpico Andrea Devincenzi attraverso i mille Km della via dei pellegrini fino a Roma



VALPOMARO — Partito il 14 marzo da Aosta, “un passo alla volta” (questo il motto ideato dalla sua squadra), Andrea Devincenzi sta percorrendo con la sua gamba e le sue stampelle i 1.000 chilometri dal Passo del Gran San Bernardo a Roma lungo la via Francigena, antica strada percorsa dai pellegrini. Amputato di gamba a seguito di un incidente stradale all’età di 17 anni, Andrea percorre circa 25 chilometri al giorno, supportato da un team di amici e amiche e da alcuni sponsor.

Queste le tappe: giovedì 12 settembre Valpromaro - Lucca; venerdì 13 settembre Lucca - Altopascio; sabato 14 settembre Altopascio – San Miniato Basso; domenica 15 settembre San Miniato Basso – Gambassi Terme; lunedì 16 settembre Gambassi Terme – San Gimignano.

“Un cammino nel segno della condivisione, perciò, chiunque può seguirci per il tempo che desidera e vivere così la propria ed unica esperienza” è l'invito di Devicenzi, che per questo tratto di tragitto dovrà rinunciare al suo fedelissimo amico di cammino, Simone Pinzolo, “bloccato” per motivi lavorativi nella sua città. 

Potrà comunque contare su di un folto gruppo di persone che da tutta Italia si uniscono a lui, mentre l'attenzione maggiore è rivolta alla parte del suo corpo che “paga” maggiormente uno sforzo così prolungato: le mani. Andrea, con il supporto di una nota azienda del settore, avrà con sé alcuni materiali da testare per risolvere definitivamente questo disagio che colpisce praticamente ogni persona che si ritrova ad utilizzare le stampelle, non solo per lunghi chilometraggi ma anche per molto meno. 

"Nel lontano 2000 - racconta Andrea - rinunciai alla protesi a causa dell’eccessivo dolore e da ciò che davanti a me vedevo nel mio futuro, così ho iniziato ad utilizzare le stampelle e tutto è cambiato, in meglio ovviamente, perciò ora è arrivato il momento di mettere a disposizione di tutti la mia esperienza".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle ultime 24 ore in provincia non ci sono stat altri decessi. Tutti gli aggiornamenti anche Comune per Comune, Pisa e Cascina quelli più colpiti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Attualità

Attualità