Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:17 METEO:VOLTERRA6°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 06 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, la lezione di Burioni: «Il vaccino ha salvato 500 mila vite in Europa. Vogliatevi bene e vaccinatevi»

Attualità sabato 22 novembre 2014 ore 16:25

Festa dell'olio e del cialdone a Montecerboli

L'antico castello torna al medioevo e rievoca l'antica frangitura delle olive nello storico frantoio: appuntamento con artigianato, buona cucina e spettacoli



POMARANCE — La  Pro Loco Valle del Diavolo presenta la 12esima edizione della Festa dell'Olio e del cialdone montecerbolino. L'appuntamento è per domani pomeriggio, 23 novembre, nella frazione del Comune di Pomarance. L'antico castello di Montecerboli tornerà al medioevo: a partire dalle 14, dopo le esibizioni degli arcieri e degli armigeri accompagnati dal suono dei tamburi del Gruppo Storico del Cerbero, si esibiranno Bricco e Bacco che coinvolgeranno i presenti nei loro giochi di fuoco.

Alle 16 gli abitanti del castello rievocheranno la frangitura delle olive così come avveniva nel vecchio frantoio, luogo magico, carico di ricordi e di storia locale, rimasto intatto nel tempo, dopo che per secoli ci hanno lavorato generazioni di contadini per la produzione dell'olio locale. Durante la festa dell'olio sarà rappresentatala la scena dell'arrivo delle olive al frantoio e la lavorazione delle stesse, descritta nei particolari dalla frantumazione nella macina, la strettoia, la produzione dei vari tipi di olio e i sottoprodotti.

Gli altri protagonisti della festa sono i cialdoni montecerbolini: si tratta di cialde dolci e friabili preparate con un impasto particolare, cotte sul fuoco con gli appositi ferri. E' una tradizione antica a Montecerboli: tutte le famiglie hanno in casa (o in cantina) i ferri delle nonne o anche più vecchi. I cialdoni sono citati anche da Lorenzo il Magnifico che gli dedicò un'ode. Lorenzo dei Medici alla fine del 1400 soggiornò spesso nella Valle del Diavolo, godendosi i bagni termali di Bagno a Morba, famosi in quei tempi per le loro proprietà curative.

Per tutto il pomeriggio non mancheranno le altre specialità gastronomiche tipiche del territorio: caldarroste, migliacci,trippa, lampredotto, 'crogiantina', salsicce e vino cotto. E oltre alle esibizioni e rievocazioni medievali, spettacoli e mercatini di artigianato.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
​I nuovi contagiati dal coronavirus risiedono in gran parte nella zona del capoluogo ma ci sono casi anche in Valdera e nel comprensorio del Cuoio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità