Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:26 METEO:VOLTERRA16°25°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 27 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, caos dopo il derby: Mourinho furioso lascia la conferenza stampa

Attualità sabato 29 novembre 2014 ore 16:50

Il Vescovo testimone nella vicenda Barani

Il senatore è accusato di aver preso troppi rimborsi quando era sindaco di Villafranca in Lunigiana; nel mirino delle indagini anche una trasferta a Volterra



VOLTERRA — Lucio Barani, eletto in Parlamento con il Pdl ed oggi nel gruppo Grandi autonomie e libertà di Palazzo Madama, è accusato dalla Procura di Massa di peculato e truffa. Infatti, secondo quanto riporta Il Fatto Quotidiano, il senatore è rinviato a giudizio perchè accusato di "aver intascato doppi rimborsi quando era contemporaneamente deputato e sindaco di Villafranca in Lunigiana". Secondo Il Fatto "lui contesta tutto" e "chiamerà a testimoniare circa 40 persone tra ex ministri, politici, dirigenti Asl, parlamentari, vigili urbani e anche il vescovo di Volterra". Monsignor Alberto Silvani è originario di Virgoletta, frazione del Comune di Villafranca in Lunigiana

Si tratterebbe, oltre ai doppi rimborsi, anche di "trasferte e missioni che la Procura ritiene non istituzionali: tra questi il ricevimento a Roma all’ambasciata della Tunisia e la cerimonia di nomina a vescovo di Volterra del parroco di Villafranca, don Alberto Silvani". In riferimento a questo episodio, come riporta Il Fatto, lo stesso Barani riferisce che quella “era una cerimonia sia religiosa sia istituzionale: Giovanni Paolo II nominava vescovo il parroco del comune di cui ero sindaco; come facevo a non andare con la fascia tricolore? E come facevo a non portare un vigile urbano? Avrei dovuto fargli pagare il viaggio fino a Volterra?”.

Il sindaco, infatti, all'epoca era stato eletto deputato (per la prima volta nel 2006) ed il Comune di Villafranca gli avrebbe liquidato rimborsi spese per vitto, alloggio e trasporti, mentre Barani godeva anche, come parlamentare, di varie indennità. Secondo l’indagine, quindi, ha ottenuto doppi rimborsi ed a questo si aggiungono rimborsi per "trasferte non strettamente attinenti all’attività politica" come quella sopra citata e relativa alla nomina di Silvani che oggi Barani vuole chiamare a testimoniare in sua difesa, insieme a varie persone, tra cui gli ex ministri Altero Matteoli e Sandro Bondi e l’ex presidente della Regione, Claudio Martini. Infatti, Barani si è sempre difeso dalle accuse, ma come riporta ancora Il Fatto "il gup ha disposto il rinvio a giudizio per Barani, già condannato per questa vicenda dalla Corte dei Conti" ad un risarcimento erariale ed il processo dovrebbe partire a marzo 2015.
"Per dimostrare che tutti i rimborsi e le missioni che la procura mi contesta nei miei 2mila giorni di amministrazione sono legittime e legate veramente alla mia professione di sindaco e parlamentare – afferma Barani secondo Il Fatto  chiamerò anche il vigile che mi ha accompagnato a Volterra, l’autista e tutti i politici che mi hanno incontrato nelle trasferte”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il report regionale fotografa, provincia per provincia, le ultime ore sul fronte epidemico: 16 nuove positività nel territorio pisano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Attualità