comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 17° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 28 marzo 2020
corriere tv
Di Maio: «C'è stato anche chi è andato a farsi un safari il 10 marzo e poi si è lamentato con noi»

Attualità venerdì 13 febbraio 2015 ore 17:28

La geotermia tra i temi importanti del Paer

Approvato a maggioranza il Piano ambientale ed energetico regionale insieme alla moratoria dei permessi: uno studio per stabilire i criteri



FIRENZE — "Il Paer tiene anche conto della legge sulla moratoria di sei mesi per i permessi di ricerca, approvata nella stessa seduta di mercoledi', e prevede l'elaborazione di uno studio che servirà ad individuare criteri obiettivi sulla base dei quali esaminare le richieste, offrendo anche ai Comuni, chiamati ad esprimere pareri, uno strumento quantomai opportuno vista la complessità della materia". E' l'assessore regionale e all'ambiente e all'energia Anna Rita Bramerini a commentare l'approvazione del Piano ambientale ed energetico regionale e della legge sulla moratoria, avvenute nella seduta del consiglio regionale di mercoledì.
A proposito dello studio che servirà ad individuare criteri obiettivi sulla base dei quali esaminare le richieste in materia di geotermia, Bramerini spiega che "in questo modo saremo in grado di legare lo sviluppo della risorsa alla tutela della sostenibilità ambientale ed alla crescita socio economica, garantendo un equilibrato sviluppo dei territori interessati".

Il Piano ambientale ed energetico regionale è stato approvato mercoledì  con i voti favorevoli della maggioranza il voto contrario di Fratelli d'Italia e l'astensione del resto dell'opposizione. "E' stata l'occasione anche per dibattere sul tema dello sviluppo delle fonti energetiche in Toscana inclusa la risorsa geotermica - spiega Bramerini - il Paer prevede lo sviluppo dell'alta e della media entalpia a patto naturalmente che sia subordinato all'impiego di tecnologie impiantistiche e pratiche gestionali altamente efficienti, e riconosce la specificità dell'Amiata dove la potenza raggiunta con la risorsa geotermica costituisce il punto di equilibrio tra il suo sfruttamento e la vocazione socio economica dei territori".

"Un Piano elaborato all'interno della Regione Toscana, senza il ricorso a consulenze esterne, innovativo e a cui affidiamo il futuro di una Toscana proiettata sul contrasto e sul'adattamento ai cambiamenti climatici e la mitigazione dei rischi - illustra l'assessore - un vero e proprio strumento per la programmazione ambientale ed energetica perché concepito come un piano pluriennale di opere pubbliche in un momento in cui la messa in sicurezza implica investimenti elevatissimi che contrastano con le ridotte capacità di spesa degli enti locali, Regioni comprese". "Per questo - aggiunge - abbiamo deciso di stimare per tutte le aree di intervento le priorità e il fabbisogno totale, favorendo quindi uno stanziamento finanziario annuo costante da destinare alla realizzazione degli interventi, con obiettivi di medio e lungo periodo".
Il set di azioni e indirizzi si individua nei settori che vanno dal rischio idrogeologico alla messa in sicurezza sismica , dalla tutela della risorsa idrica a quella della costa fino all'energia e alla valorizzazione della biodiversità.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità