Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:30 METEO:VOLTERRA10°21°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 17 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tensione al corteo no Green pass di Milano, la protesta non si ferma e partono le cariche della polizia

Attualità lunedì 28 dicembre 2020 ore 18:00

Ecco altri 5.000 vaccini, anche per le Rsa pisane

Un flaconcino di vaccino Pfizer contiene 5 dosi
Un flaconcino di vaccino Pfizer contiene 5 dosi

Emergenza Covid, Ausl nord ovest ha reso noto l'arrivo di altre 4.875 dosi già domani. Sono destinate alle strutture residenziali assistite



PISA — E' previsto per il 30 Dicembre l’arrivo di altre 4.875 dosi vaccinali destinate all’intero territorio della Ausl Toscana nord ovest, dove già nei giorni successivi si conta di avviare le somministrazioni agli ospiti delle Residenze sanitarie assistenziali (Rsa), ovvero gli anziani nelle case di riposo, anche quelle pisane.

Dal primo Gennaio saranno poi coinvolti gli operatori sanitari dei reparti Covid e, a partire dal 4 Gennaio, verranno progressivamente aperti i punti vaccinali in tutti e 13 gli ospedali presenti nelle diverse zone della Asl.

"Come da indicazioni regionali - hanno detto dall'azienda sanitaria - si comincerà quindi nei reparti più a rischio e a più alta intensità di cure, per proseguire poi negli altri. Una volta terminati i sanitari e le Rsa, sarà la volta di tutte le altre categorie inserite in questa prima tranche, associazioni di volontariato, sanità privata, studi dentistici, 118, medici e pediatri di famiglia, continuità assistenziale. Ad oggi, le adesioni totali sono circa 13mila".

“La giornata di ieri è stata particolarmente soddisfacente – ha sottolineato Maria Letizia Casani, direttore generale della Asl Toscana nord ovest – sia da un punto di vista emotivo, sia per quanto concerne l’organizzazione. Infatti, non ci sono state particolari difficoltà e tutto si è svolto nel migliore dei modi. Sono anche ottimista per il futuro. Infatti, se tutto proseguirà come da programma, pensiamo di poter chiudere questa primissima fase della campagna entro il mese di gennaio. Un traguardo importante che mette in sicurezza gli ospedali se, spero vivamente di no, dovesse verificarsi una terza ondata”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le positività rilevate tra ieri e oggi sono distribuite tra 12 comuni della provincia. Ricoveri stabili negli ospedali pisani
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nausica Manzi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cultura

Attualità

CORONAVIRUS