comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:20 METEO:VOLTERRA8°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
mercoledì 02 dicembre 2020
corriere tv
Prima neve a Milano, le immagini di Piazza del Duomo

Attualità lunedì 08 giugno 2020 ore 18:43

Internet veloce, attivati gli armadi Tim

La situazione della fibra ottica si è sbloccata grazie all'intervento della Regione. Soddisfazione dall'assessore Bugli e dalla sindaca Bacci



POMARANCE — Anche i pomarancini, finalmente, possono navigare in internet fino a mille megabit al secondo, perché Tim ha attivato gli armadi. Il comune rientra tra i dieci dove la Regione Toscana era intervenuta per realizzare una infrastruttura in fibra ottica e che si aggiungono a tutti gli altri – solo per le zone a fallimento di mercato naturalmente, quelle dove i gestori hanno rinunciato ad investire – in cui la gara l’ha vinta invece Open Fiber ma a finanziare l’intervento è sempre la Regione.

La fibra a Pomarance è stata portata grazie ai fondi europei Psr-Feasr e l’intervento è costato 2 milioni e 42 mila euro ed ha raggiunto 3.603 unità immobiliari. Le località coinvolte, oltre a Pomarance capoluogo, sono Serrazzano, Larderello e Montecerboli. In questi ultime due frazioni già si poteva da fine 2019 navigare sul web fino a 100 megabit al secondo, grazie alla tecnologia FTTC, la cosiddetta fibra misto rame. Ora la velocità aumenterà fino ad un gigabit in virtù dei servizi FTTH che saranno attivati entro giugno, ovvero con la fibra ottica che non si fermerà agli armadi ma arriverà praticamente fino alla soglia di casa. Anche a Larderello le nuove connessioni più veloci saranno disponibili entro al fine del mese. Nel capoluogo invece lo sono già adesso e i servizi possono già essere richiesti.

“Ci sono stati assicurati tempi rapidi per questo ultima fase – ha commentato la sindaca, Ilaria Bacci - e ringraziamo la Regione per l'impegno, insieme a Infratel e a Tim. Questa tecnologia attesa da tempo è fondamentale per ridurre il digital divide e connettere imprese e cittadini: una infrastruttura la cui importanza è emersa ancora con più evidenza nella fase di emergenza Covid".

Soddisfatto anche l’assessore all’innovazione della Toscana, Vittorio Bugli. "La Toscana - ha ricordato - è stata tra le prime in Italia ad impegnare risorse pubbliche e a mettersi al lavoro per portare prima la banda larga e poi la banda ultralarga nelle cosiddette ‘aree bianche’, ovvero i territori dove, per i i pochi abitanti, la distanza e la scarsa presenza di aziende, gli operatori privati hanno deciso e dichiarato di non voler investire”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Imprese & Professioni

CORONAVIRUS

Attualità