comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 17°27° 
Domani 15°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 24 settembre 2020
Giani
863.595
 
48.62%
Ceccardi
718.625
 
40.46%
Galletti
113.692
 
6.40%
Vigni
7.664
 
0.43%
Fattori
39.668
 
2.23%
Barzanti
16.061
 
0.90%
Catello
16.992
 
0.96%
corriere tv
Venezia, la guida speciale che non mostra ai turisti i monumenti ma gli effetti dell'acqua alta

Politica venerdì 10 gennaio 2020 ore 17:22

Annunci di Rossi per la geotermia, le reazioni

Enrico Rossi a Pomarance

Per il consigliere regionale Pieroni "Siamo al punto di non ritorno". Mentre il comitato GeotermiaSì ha messo nero su bianco un "promemoria"



POMARANCE — Il governatore della Toscana Enrico Rossi, questa mattina a Pomarance per il convegno di ConfaPi con Cgil, Cisl e Uil, ha comunicato due importanti novità per l'Alta Val di Cecina e per i territori geotermici in generale. La prima è che il Governo, a febbraio, conta di approvare il decreto - il Fer2 - che reinserirà la geotermia tra le fonti di energia rinnovabili che possono accedere agli incentivi. La seconda è che la Toscana ha allo studio un pacchetto finanziario in grado di dare ossigeno alla geotermia, con tanto di trasformazione di Cosvig in un'agenzia per lo sviluppo del territorio e creazione di un Distretto geotermico.

Auspicando che il decreto Fer2 dia le risposte che il settore geotermico si attende ormai da lungo tempo, il comitato GeotermiaSì ha consegnato a Giani e Rossi un promemoria che ripercorre la storia del comitato e avanza alcune richieste tecniche, in relazione tanto al Fer2 quanto alla recente legge regionale sulla geotermia.

"Le imprese del settore geotermico denunciano una situazione economica di grave crisi legata alla ulteriore diminuzione degli investimenti di Enel Green power - questo invece il commento del consigliere regionale Pd Andrea Pieroni -. Il rischio è di una catastrofe socio-economica della Val di Cecina, occorre una forte accelerazione sul decreto Fer 2 del Governo per il ripristino degli incentivi-. La Regione Toscana è a fianco del territorio nel chiedere un tavolo nazionale permanente al Mise sulla geotermia, anche nell'ottica dello sviluppo delle energie rinnovabili. Non mancherà il sostegno alle imprese dell'indotto geotermico per superare questa fase di incertezza. Decisivo il ruolo di Cosvig, che sempre di più dovrà essere agenzia di sviluppo del territorio, per gli investimenti infrastrutturali disponendo di circa 40 milioni di euro all'anno. Da non trascurare un ulteriore investimento nella formazione tecnica specializzata per irrobustire le competenze delle imprese. Sarà questo uno degli impegni prioritari da qui al termine della legislatura".

GeotermiaSì ha anche apprezzato l'intervento del consigliere regionale del M5s Giacomo Giannarelli, il quale ha sottolineato che "la geotermia è una risorsa rinnovabile e strategica per la nostra regione".

Sull'argomento è intervenuta anche l'altra consigliera regionale Alessandra Nardini:

"Dopo mesi di battaglie una notizia importante: l'impegno del Governo per il reinserimento della geotermia tra le fonti rinnovabili incentivabili.Adesso vigileremo con attenzione affinché questo impegno venga rispettato e le risorse arrivino in tempi certi.
Come Regione ci siamo battuti moltissimo e abbiamo sempre creduto all'importanza e alla strategicità di questa produzione, dalla quale dipendono migliaia di posti di lavoro e il futuro di interi territori come l'Alta Val di Cecina nella nostra Provincia; territori dove si è dato prova di sapere coniugare innovazione tecnologica, lavoro e ambiente.
A conferma del nostro sostegno oggi il Presidente Rossi, in un incontro a Pomarance organizzato da Confapi e dalle organizzazioni sindacali a cui ho partecipato, ha annunciato di volere avviare un pacchetto di finanziamenti per dare ossigeno al settore e per supportare lo sviluppo delle aree geotermiche. Non solo: è stato correttamente posto il tema dei punti da porre in previsione della scadenza e degli affidamenti delle concessioni nel 2024 e l'obiettivo, da raggiungere entro fine legislatura, di trasformare il Cosvig in una vera e propria Agenzia per lo sviluppo di queste aree e dichiarare questo territorio "Distretto geotermico". Penso che sia molto importante anche l'idea di creare percorsi di formazione professionalizzanti proprio in questo ambito.
Sono azioni concrete che confermano il nostro impegno, come Regione, per il futuro della geotermia, dei territori geotermici e per uno sviluppo sostenibile".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità