Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:VOLTERRA19°25°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 05 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Vaccini, Speranza: «Unico strumento per chiudere questa stagione difficile»

Attualità mercoledì 13 maggio 2020 ore 08:00

Appello a Conte dalle piccole perle del turismo

San Gimignano

Sette i sindaci toscani firmatari, dei Comuni di San Gimignano, Volterra, Montalcino, Greve in Chianti, Montepulciano, San Vincenzo e Pienza



SAN GIMIGNANO — Ventotto sindaci dei gioielli turistici italiani hanno lanciato un appello al presidente del Consiglio Giuseppe Conte. I firmatari sono i primi cittadini di Comuni come Amalfi, Barolo, Porto Venere, Portofino e Otranto, compresi sette toscani: San Gimignano, Volterra, Montalcino, Greve in Chianti, Montepulciano, San Vincenzo e Pienza.

Il crollo del turismo sta mettendo a rischio la tenuta dei loro bilanci comunali. “Siamo in ginocchio – ha spiegato Andrea Marrucci, sindaco di San Gimignano tra i promotori dell’appello. Le nostre entrate sono ai minimi, è a rischio la tenuta sociale ed economica dei nostri territori, tanto da minacciare gli stessi servizi essenziali. Sappiamo già che non troveremo nei nostri bilanci le risorse per far fronte alla riduzione delle entrate di parte corrente, che vanno dal 20 per cento fino al 50 per cento in alcuni casi".

Da queste considerazioni nascono le richieste avanzate dai ventotto al Governo: istituzione di un fondo che copra la riduzione delle entrate direttamente connesse con il turismo anche dei piccoli e medi comuni turistici; possibilità di attingere non solo all’avanzo di amministrazione di parte libera e destinata, ma anche a quello vincolato; possibilità di trattenere il gettito Imu destinato allo Stato e di stabilire una “soglia di solidarietà” al Fondo per lo sviluppo e la coesione, oltre la quale bloccare il contributo dei singoli comuni, specie costieri e turistici; stanziamenti ad hoc per la manutenzione del patrimonio architettonico, monumentale ed artistico "che è il valore aggiunto dell’Italia".

I sindaci chiedono inoltre procedure semplificate per investimenti e appalti, interventi nazionali per gli affitti commerciali e il rinvio del metodo di calcolo Arera e norme speciali per l’abbattimento dei costi della Tari per i comuni turistici, potendone così apprezzare la riduzione già nella bollettazione 2020.

Questo l'elenco completo dei Comuni firmatari: San Gimignano (Siena), Montalcino (Siena), Greve in Chianti (Firenze), Barolo (Cuneo), Barbaresco (Cuneo), Montepulciano (Siena), Pollica (Salerno), Volterra (Pisa), Positano (Salerno), Porto Venere (La Spezia), Amalfi (Salerno), San Vincenzo (Livorno), Pienza (Siena), Portofino (Genova), Otranto (Lecce), San Severino Lucano (Potenza), Iseo (Brescia), Valsinni (Matera), Diamante (Cosenza), Città della Pieve (Perugia), Guardia Perticara (Potenza), Pula (Cagliari), Cabras (Oristano), Castelsardo (Sassari), Malfa Isola di Salina (Messina), San Vito di Cadore (Belluno), Castiglion dei Pepoli (Bologna), Gibellina (Trapani).

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono 109 i nuovi casi Covid positivi sul territorio pisano. Dall'inizio dell'emergenza sanitaria i contagi hanno superato quota 30mila
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità