QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 16°26° 
Domani 14°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 22 ottobre 2019

Attualità lunedì 27 aprile 2015 ore 17:25

Per migliaia di imprese l'energia costerà meno

Servizio di Tommaso Tafi

Un accordo tra Enel e Regione permetterà a 5 mila aziende delle aree geotermiche tra Pisa, Grosseto e Siena di avere uno sconto del 10% in bolletta



FIRENZE — Nelle prossime settimane gli imprenditori di 16 comuni della val di Cecina pisana e dell'Amiata grossetana e senese riceveranno la visita degli operatori dell'Enel che spiegheranno i dettagli dell'offerta.

Si tratta di circa 2.610 aziende manifatturiere e 2.670 imprese agricole che danno lavoro a oltre 10 mila persone che riceveranno così un compenso per essere spesso servite da una rete stradale non adeguata e che vedranno il costo della loro energia equiparato a quello delle grandi industrie.

Non solo. Con l'accordo siglato in Regione dal governatore Enrico Rossi e dal Country manager Italia di Enel, Carlo Tamburi, la società che eroga l'energia elettrica si impegna anche a realizzare una piscina riscaldata a Arcidosso e Santa Fiora e una rete di cessione del calore per le nuove aziende che vorranno stabilirsi proprio ad Arcidosso.

In questo modo si porta a compimento il lavoro iniziato nel 2007 con l'Accordo Generale sulla geotermia, che ha permesso l'installazione di impianti sostenibili dal punto di vista ambientali e ha portato una compensazione importante nelle casse di Comuni e Regione.

Ecco l'elenco dei comuni interessati: Abbadia San Salvatore, Arcidosso, Castel del Piano, Castelnuovo Val di Cecina, Chiusdino, Montecatini Val di Cecina, Monterotondo Marittimo, Monteverdi Marittimo, Montieri, Piancastagnaio, Pomarance, Radicofani, Radicondoli, Roccalbegna, San Casciano dei Bagni e Santa Fiora.

Sempre oggi, poi, la Regione ha dato il via libera alla Valutazione di impatto ambientale per la centrale di Monterotondo Marittimo: ne nascerà un impianto da 20 megawatt, capace di produrre 140 milioni di chilowattora l'anno e che costerà 80 milioni di euro. Una centrale moderna che coprirà il 30% della dei fabbisogni energetici dell'intera regione. Per costruirla ci vorranno 30 mesi circa.



Tag

«L'abbraccio», la storia mai raccontata del giudice Saetta e del figlio uccisi dalla mafia diventa un film

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Cronaca