QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 19°25° 
Domani 19°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 24 settembre 2019

Cronaca martedì 14 aprile 2015 ore 12:32

Un'altra truffa on line per un escavatore

Immagine di repertorio

Dopo l'episodio avvenuto a Castellina, anche un agricoltore di 50 anni di Montecatini si è fatto abbindolare da un annuncio a basso prezzo



MONTECATINI VAL DI CECINA — Voleva comprare un escavatore on line sul sito di annunci Subito.it alla cifra di 3mila euro, ma dopo che ne ha versati mille, l'inserzionista privato è sparito. La truffa, scoperta dai carabinieri della Stazione di Ponteginori al comando del Maresciallo Nicola Barone e per la quale sono state denunciate due persone, risale ai primi di settembre del 2014 ed ha per protagonista un cinquantenne agricoltore di Montecatini Val di Cecina.
Già a marzo i carabinieri di Riparbella avevano scoperto una truffa analoga ai danni di un cinquantenne di Castellina Marittima che ad ottobre voleva comprare una pala meccanica sullo stesso sito, ma era rimasto fregato.

Anche in questo caso l'uomo di Montecatini aveva trovato un annuncio estremamente vantaggioso: un escavatore semi nuovo venduto a 3mila euro da un privato. Così l'agricoltore aveva contattato telefonicamente l’inserzionista che si era dimostrato subito disponibile a chiudere l’affare e i due avevano pattuito che il cinquantenne avrebbe versato subito mille euro. Il venditore aveva fornito all'agricoltore il numero di una carta prepagata dove accreditare la cifra, mentre il saldo sarebbe avvenuto a transazione ultimata. L'uomo, in buona fede, ha versato la cifra di caparra, ma l’inserzionista, invece di consegnare l’escavatore alla data stabilita, ha chiesto al compratore altri mille euro in acconto prima di definire l’affare. L'agricoltore si è rifiutato, richiedendo la immediata restituzione di quanto già versato, ma  il venditore è sparito. L'acquirente ha tentato invano di contattarlo in ogni modo senza ottenere alcun risultato. Così si è rivolto alla Stazione dei Carabinieri di Montecatini ed ha denunciato il fatto.
I militari dell’Arma di Pomteginori, a conclusione di una complessa attività d’indagine, sono riusciti a risalire all'inserzionista ed al titolare della carta, ricostruendo l'intera vicenda. Per tali fatti sono stati deferiti in stato di libertà per il reato di truffa in concorso due uomini calabresi di 60 e 25 anni, entrambi con precedenti specifici


I carabinieri ricordano che "è importante prestare molta attenzione quando si acquista online: può succedere infatti che ci si lasci convincere facilmente dall’offerta di prodotti super scontati in vendita con annunci postati principalmente da privati che, una volta ricevuto il pagamento, scompaiono senza lasciare traccia". "E' buona norma- proseguono - ricordarsi di raccogliere qualche informazione prima di procedere con l’acquisto su di un sito che non si conosce bene e sul quale non si è mai acquistato specialmente se l’annuncio e postato da un venditore privato".



Tag

Giornata mondiale dell'Alzheimer: cosa si prova quando gli oggetti non hanno più senso?

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Spettacoli

Cronaca

Attualità