Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:26 METEO:VOLTERRA16°25°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 27 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, caos dopo il derby: Mourinho furioso lascia la conferenza stampa

Cronaca venerdì 28 novembre 2014 ore 18:25

"E' vietato ricevere regali in cambio di favori"

Damone spiega, citando il codice etico in vigore nell'azienda sanitaria, la decisione di sospendere i medici indagati per il caso del latte in polvere



PISA — “Sia fatto divieto riguardo a qualunque forma di regali o di favori che eccedano dalle normali pratiche di cortesia o che sia comunque finalizzata al conseguimento, da parte degli utenti di trattamenti di favore nell’espletamento delle attività dell’Azienda” il codice etico dell'Asl 5 parla chiaro e Rocco Damone, direttore generale dell'azienda sanitaria, dopo aver letto le dichiarazioni dei pediatri: “dove si sostiene che i regali sarebbero stati una prassi messa in atto dalle aziende private” vuole fare luce sulla decisione di sospendere i medici indagati per il caso del latte in polvere raccomandato alle madri al posto di quello naturale, per ricevere in cambio regali e viaggi: “Non voglio entrare nel merito delle abitudini delle case farmaceutiche ma mi preme fare chiarezza sui provvedimenti che ho sottoscritto in relazione alla sospensione dei medici indagati. I pediatri e i medici di famiglia, in quanto convenzionati con il servizio sanitario pubblico, devono seguire le stesse regole del Dpr n. 62/2013 e del conseguente codice etico e di comportamento approvato dall’ASL 5 con delibera n. 825/2013. Il Dpr prevede: Ai fini del presente articolo, per regali o altre utilità di modico valore si intendono quelle di valore non superiore, in via orientativa, a 150 euro, anche sotto forma di sconto. I codici di comportamento adottati dalle singole amministrazioni possono prevedere limiti inferiori, anche fino all'esclusione della possibilità di riceverli, in relazione alle caratteristiche dell'ente e alla tipologia delle mansioni”.

“Il codice etico dell'Asl 5 è ancora più preciso – si legge nella nota diffusa dall'ufficio stampa Daniela Gianelli – infatti si legge: Sia fatto divieto riguardo a qualunque forma di regali o di favori che eccedano dalle normali pratiche di cortesia o che sia comunque finalizzata al conseguimento, da parte degli utenti di trattamenti di favore nell’espletamento delle attività dell’Azienda. Il principio è riferibile sia ai regali promessi o offerti sia a quelli ricevuti, intendendosi per regalo qualsiasi tipo di utilità o vantaggio per l’Azienda medesima e/o per i dipendenti. Quindi, le regole che ci ha dato il legislatore e le regole interne chiariscono la posizione presa nei confronti dei pediatri”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il report regionale fotografa, provincia per provincia, le ultime ore sul fronte epidemico: 16 nuove positività nel territorio pisano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Attualità