Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:55 METEO:VOLTERRA19°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 18 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Morto Franco Battiato. L'intervista del 2018: «Milano con la nebbia, mi piacque molto: cantavo per scherzo dei madrigali barocchi. Fu Gaber che mi disse di chiamarmi Franco»

Attualità mercoledì 22 luglio 2015 ore 14:30

Prima regola: non fate entrare sconosciuti in casa

Positivo incontro tra over 65, maresciallo Sanna e sindaco Barbafieri sulla prevenzione di furti e truffe. Citato anche l'esempio Whatsapp di Fabbrica



LAJATICO — Non fate entrare sconosciuti in casa” questo il monito lanciato più volte dal maresciallo di Terricciola Mario Sanna durante l'incontro di qualche giorno fa a Lajatico “Come prevenire i furti nelle abitazioni e le truffe agli anziani”.

“E' stata una serata molto positiva – commenta il sindaco di Lajatico Alessio Barbafieri – erano presenti almeno 50-60 persone, non molti giovani a dir la verità. In particolare c'erano molti over 65”.

Il maresciallo Sanna ha dato indicazioni su come comportarsi: “Sì – riprende Barbafieri – Sanna è stato categorico: non fare entrare sconosciuti in casa, per nessun motivo. Spesso questi soggetti propongono finti contratti, chiedono di vedere le bollette o usano altri stratagemmi linguistici”. Il militare della stazione di Terricciola ha poi suggerito anche un metodo di difesa fisica, una sorta di guardia preventiva: tenere il braccio teso di fronte a se stessi, per non essere avvicinati.

Barbafieri ha chiesto a Sanna cosa ne pensasse dell'uso dei gruppi su Whatsapp per monitorare persone sospette nei paesi, come avviene nella vicina (circa 9 chilometri) Fabbrica di Peccioli da alcuni mesi: “Il maresciallo ha sponsorizzato questi metodi, aggiungendo però che mediamente sono alla portata, per adesso, di una fascia di popolazione più giovane rispetto a quella a rischio truffa. Sanna ha incitato alla solidarietà tra paesani: per esempio se una famiglia va in vacanza i vicini possono tenere d'occhio anche l'altra abitazione”.

"Per fortuna - conclude Barbafieri - nel nostro territorio non sono ancora successi episodi di truffe ad anziani".

Esulando dal tema della serata, qualche persona si è lamentata delle continue telefonate delle compagnie telefoniche, Sanna ha suggerito di iscriversi ai gruppi di opposizione.

René Pierotti
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono iniziati i lavori per il ripristino del manto stradale in Piazza Papa Giovanni XXIII, scattato il divieto di sosta con rimozione
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca

Attualità