QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 11°15° 
Domani 11°13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 15 dicembre 2019

Attualità venerdì 13 maggio 2016 ore 18:15

Da Terre Etrusche verso la crescita del territorio

Alla presentazione di Terre Etrusche

Presentato il progetto elaborato dalla Fondazione Crv. I sindaci di Volterra, Montecatini, Castelnuovo e Pomarance hanno scritto alla Regione



VOLTERRA — Sviluppo e crescita del territorio al centro del progetto di area Terre Etrusche presentato a Volterra al Centro Studi del Santa Maria Maddalena.

Un incontro, quello della mattina di venerdì, a cui i sindaci dei Comuni di Montecatini Val di Cecina, Castelnuovo Val di Cecina, Pomarance e Volterra hanno fatto seguire una lettera aperta che è stata consegnata a Antonio Mazzeo, presidente della commissione istituzionale regionale per la ripresa economico-sociale della Toscana costiera.

"Crediamo che la Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra abbia saputo guardare al futuro, cogliendo l'importanza delle politiche di area – si legge nella lettera -. Con il documento di recente inviato alla Commissione regionale attività produttive, per il domani e lo sviluppo del volterrano e della Val di Cecina, abbiamo presentato come sindaci alcuni spunti, frutto di considerazioni legate al nostro ruolo ed alla volontà comune delle amministrazioni locali di trovare una strategia efficace per il rilancio del nostro territorio, troppo spesso lasciato ai margini. I temi sarebbero tantissimi, ma abbiamo inteso coglierne alcuni (sociosanitario, viabilità e trasporto pubblico locale, lavoro, geotermia, beni culturali e turismo, risorsa idrica), che possano essere visti in prospettiva anche in relazione allo studio di un piano strategico, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, che già ora coinvolge Val di Cornia, Alta e Bassa Val di Cecina. Resta il fatto che il nostro territorio, per ragioni storiche, geografiche e socioeconomiche ha rapporti stretti, che lavoriamo per coltivare, anche con l'area dell'Alta Valdelsa senese e fiorentina, dell'Alta Valdera, delle Colline Metallifere. Venti Comuni - continuano i sindaci - che dal basso affrontano le politiche di area in modo costruttivo, come accade attraverso questo piano, danno un segnale importante. Ci sono ambiti che necessariamente richiedono un'autonomia (o un ragionamento nuovo con altre aree contermini) per quanto ci riguarda, come quello sociosanitario, e altri su cui, a geometria variabile, i Comuni scelgono di lavorare assieme. Le chiediamo - conclude la lettera - di farsi promotore di queste volontà, da parte dei territori, e di affidare al piano strategico che verrà redatto, anche la discussione e gli sviluppi su tematiche fondamentali e di prospettiva, che rischiano altrimenti di essere affrontate in fretta e sganciate da una visione di insieme".

«Ci è stato spiegato – ha detto l’assessore ai lavori pubblici Paolo Moschi - che è importante in Toscana lavorare per trovare nuovi brand, e abbiamo visto che "l'asse degli etruschi", dalla costa all'entroterra senese, può, se messo in sinergia, dare risposte ed economie non solo ai venti comuni interessati, ma a tutta la Regione. Del resto un brand ben studiato, può risvegliare interessi nuovi, come è avvenuto con la Francigena. E qui emerge il tema della raggiungibilità, per cui un territorio per poter fare sinergia deve essere collegato. Un ringraziamento particolare va al Presidente della Commissione Costa Antonio Mazzeo, per aver fatto proprio il progetto portandolo alla Regione, dimostrando sensibilità nei confronti della Val di cecina, e anche per averci dato delle rassicurazioni per la messa in sicurezza della "curva della Morte" sulla SRT 68».

«Sono soddisfatto dell'incontro avvenuto questa mattina – dichiara l’assessore alle attività produttive del Comune di Volterra Gianni Baruffa - Grande l'impegno del consigliere Mazzeo sulla sr68. Già all'ultimo incontro della Commissione Costa avvenuto qualche settimana fa a Pisa mi aveva detto che c'era un forte impegno e che avrebbe fatto il possibile per fare una variazione di bilancio. Stamani l’ha ribadito. Anche perché per tornare a crescere con industrie e economia abbiamo bisogno di infrastrutture. Accolgo con piacere l'invito ad una collaborazione ancora più stretta tra regione e amministrazione. Abbiamo un compito molto importante nel prossimo futuro. Dobbiamo abituarci a pensare che le scelte non si fanno per le elezioni successive, ma si fanno per le generazioni successive. Questo è il compito di un buon amministratore».



Dai Girotondi alle Sardine:l'abbraccio tra le generazioni della sinistra

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Politica