Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:VOLTERRA19°25°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 17 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Nubifragio a Malpensa: automobilisti intrappolati, salvati dai vigili del fuoco con i gommoni

Attualità mercoledì 05 aprile 2017 ore 17:10

Le mamme della Valdicecina in commissione sanità

Una delegazione è stata ascoltata in Regione. Il presidente Scaramelli: "Produrremo un atto unitario e ci impegneremo a farlo recepire alla giunta"



VOLTERRA — Una risoluzione in consiglio regionale per accogliere le richieste delle mamme dell'alta ValdiCecina in merito al servizio pediatrico. E' quel che il presidente della commissione regionale sanità Stefano Scaramelli (Pd) ha promesso alla delegazione che stamattina è stata ricevuta e ascoltata a Firenze in merito alla questione del servizio pediatrico ospedaliero e del territorio. Le mamme sono impegnate in una battaglia con tanto di petizione sottoscritta da centinaia di persone. 

“Siamo qui – ha detto Giusy Onnis, rivolta ai consiglieri – per essere finalmente ascoltate dalle istituzioni”. Giusy, accompagnata da altre due mamme e dalla Cgil del territorio, ha ricordato che “le sole istituzioni che fino ad ora ci hanno dato ascolto e vicinanza sono i nostri sindaci”. Ha ribadito le richieste: il ripristino del terzo pediatra di libera scelta, ora ce ne sono solo due; la presenza di un pediatra in servizio dalle otto alle venti all’ospedale di Volterra nel fine settimana e nei giorni festivi; reperibilità pediatrica notturna per tutti i giorni della settimana; un posto letto di osservazione breve pediatrica, “e soprattutto una guardia anestesiologica h24 presso il Pronto soccorso dell’ospedale di Volterra”. 

Quello che le mamme chiedono alla commissione “è di essere ascoltate. Dalle strutture sanitarie – hanno spiegato – abbiamo incontrato solo chiusure”. E “vedere tutelato il diritto alla salute per i nostri bambini, al di là della legge dei grandi numeri e in considerazione della vastità e complessità del nostro territorio”, dice ancora la mamma della Val di Cecina.

“Una consultazione urgente dell’Azienda sanitaria nelle prossima commissione”, per arrivare “ad una risoluzione unitaria da presentare entro fine mese in consiglio regionale”, che tenga in considerazione anche analoghe esigenze di altri territori in Toscana. Questa la sintesi del presidente Scaramelli sulle sollecitazioni concordi dei consiglieri di tutti i gruppi.

“Un atto forte, pur con tutti i limiti di un atto di indirizzo – ha aggiunto Scaramelli –. Ci impegneremo per farlo recepire alla Giunta regionale”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Usl nordovest rassicura sul fatto che le ostetriche che andranno in pensione saranno regolarmente sostituite e non ci saranno carenze organiche
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità