Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:VOLTERRA19°33°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 30 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Scherma, Di Francisca: «Errigo emotiva». Velasco: «Dichiarazioni disgustose»

Attualità lunedì 04 maggio 2020 ore 18:37

Lettera alle istituzioni per i 16 cavalli morti

Cavalli (foto di Piero Frassi)
Cavalli (foto di Piero Frassi)

E' stata inviata dall'associazione Gabbie Vuote di Firenze: "Perché per tutti questi cavalli morti non si è fatto niente o molto poco?"



VOLTERRA — Mariangela Corrieri, presidente dell'associazione Gabbie Vuote Odv di Firenze ha inviato una lettera alle istituzioni (Comune di Volterra, carabinieri, polizia, municipale, difensore civico, procura di Pisa) che affronta l'argomento della morte di 16 cavalli, avvenuta nel centro Ihp di Volterra in sedici mesi. 

"Gentili signori

l'associazione IHP Italian Horse Protection Onlus - Strada privata di Tignano, 56048 VOLTERRA (PI), nel corso di 16 mesi, ha visto morire 16 dei cavalli in piena salute che, volontariamente, con sacrificio e passione, stava proteggendo riscattati da situazioni di maltrattamento, sequestrati e affidati anche dalle Procure, senza ricevere fondi pubblici nè rimborsi.

Il compito dei suoi volontari meriterebbe ammirazione, sostegno, attenzione perché, come aderenti a un'associazione di volontariato, lavorano gratis dedicando il proprio tempo, la propria fatica e, anche, la grande sofferenza che oggi si è trasformata nell'impossibilità da parte del Presidente di continuarne la gestione.

Perché per tutti questi cavalli morti nel corso dei mesi, segnalati, denunciati, non si è fatto niente o molto poco? Soprattutto, perché non si è arrivati ad alcuna conclusione sulla colpevolezza di chi si avvale della violenza, della crudeltà e dell'inadempienza delle leggi per sopprimere animali che tanto ci danno in bellezza, affetto, aiuto....?

Chiediamo quindi, un intervento sul posto, un sopralluogo, un confronto con il presidente (dimissionario) Sonny Richichi per raggiungere la conclusione della storia di dolore che investe non soltanto l'associazione ma anche tutti i cittadini che amano gli animali e per i quali le leggi di tutela sono un baluardo contro quella violenza immotivata e straziante che condanna creature innocenti e sottolinea l'indegnità degli umani aggressori colpevoli.

Anche se, consultando il sito, ci sembra che il comune di Volterra non abbia un Regolamento di tutela animali, le leggi nazionali esistono:

  • I D.P.R. 31 marzo 1979 e D.P.R. 8 febbraio 1954 n. 320, affidano al sindaco la responsabilità del benessere di tutti gli animali sul suo territorio, siano essi domestici, selvatici, d'affezione, privati o pubblici;
  • la LEGGE 20 luglio 2004 n.189 “Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate”, come modificata dal Decreto Legislativo 15 marzo 2010 n. 47; Legge 4 giugno 2010 n. 96, articolo 49; Legge 4 novembre 2010 n. 201, tra cui l' Art. 544-bis. -(Uccisione di animali) che recita: Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da quattro mesi a due anni.
  • .......

Stante quanto sopra, chiediamo pertanto al sindaco e alle forze dell'ordine, di attivare un controllo per appurare le responsabilità della morte dei 16 cavalli di IHP, rendere giustizia agli animali uccisi, riconoscenza ai volontari e vigore alle leggi.

Grazie

Mariangela Corrieri".

.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La maggior parte dei contagi si è verificata tra i giovani, 28 tra bambini e adolescenti. I dati sanitari aggiornati alle ultime 24 ore
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

CORONAVIRUS

Cultura