comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 18°29° 
Domani 18°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 14 luglio 2020
corriere tv
Recovery Fund, Merkel: «Ci sono divergenze, ma puntiamo a trovare l'accordo»

Attualità giovedì 30 gennaio 2020 ore 17:40

"Tra pochi giorni arriva il quarto chirurgo"

Situazione sanità, Santi risponde a Cgil: "Lamentano mia assenza all'incontro, ma non ero invitato. Faro guida mantenere attività chirurgica"



VOLTERRA — Il sindaco Giacomo Santi è intervenuto sulla questione sanità, dopo aver letto dei comunicati della Cgil. 

"La Cgil - ha detto - lamenta l’assenza del sindaco di Volterra e del Presidente della Società della Salute all’incontro con la Direzione Aziendale del 10 gennaio sulle tematiche legate alla sanità in Alta Valdicecina. Mi preme sottolineare che non siamo stati invitati all’incontro in quanto, come evidenziato dall’Azienda Sanitaria, ha rappresentato un primo momento informativo con le organizzazioni sindacali in funzione del pieno insediamento di un tavolo tecnico con la finalità di aggiornare i temi della sanità e ipotizzare nuovi scenari qualora migliorativi dal punto di vista della quantità, qualità e organizzazione dei servizi. Un prossimo incontro è già stato calendarizzato per il 31 marzo 2020".

"La riattivazione in questi termini di un proficuo rapporto tra le parti, per analizzare, oltre all’Ospedale, anche gli altri elementi fondamentali del sistema socio sanitario dell’Alta Val di Cecina (attività territoriali, Auxilium Vitae, Crm Inail, Rems) è stato fortemente caldeggiato dal sottoscritto e ha trovato la condivisione del direttore generale dell’Asl e della Società della Salute nel documento firmato il 25 novembre scorso e che sarà presentato venerdì 31 gennaio in Consiglio Comunale" ha aggiunto Santi.

"In questi primi mesi del mio mandato - ha ripreso il sindaco - mi sono impegnato nelle sedi istituzionali e seguendo percorsi anche più informali di sollecitazione, affinché si potessero affrontare e risolvere le criticità della sanità che tutti conosciamo sul nostro territorio. Il faro guida è il mantenimento dell’attività chirurgica sia per l’elezione che l’urgenza (a garanzia degli accessi al Pronto Soccorso) assicurando una copertura temporale H24 per tutti i 365 giorni dell’anno e la garanzia dei livelli qualitativi e quantitativi del personale impiegato e dei servizi per i cittadini".

"In questo senso le criticità legate al numero di specialisti chirurghi e ortopedici presenti in servizio dovranno essere urgentemente superate attraverso l’assunzione di personale (l’azienda ha informato che nei prossimi giorni arriverà su Volterra il quarto chirurgo). Questo dovrà consentire anche lo sviluppo dell’attività di Day Surgery e Chirurgia ambulatoriale in grado di raggiungere complessivamente un volume di attività di circa 2000 casi trattati/anno nel 2020"

Altre novità illustrate da Santi: "Già da questo primo lunedì di febbraio opererà su Volterra un ortopedico di Pontedera in proiezione, con interventi a bassa complessità assistenziale. A breve il venerdì mattina di ogni settimana il Dottor Carnesecchi inizierà su Volterra interventi ad alta complessità (es. protesi d’anca). Saranno indirizzati a Volterra utenti provenienti dalla Valdera per effettuare interventi di chirurgia generale a bassa complessità (n.6 interventi già in programmazione). E’ aperto un ragionamento per sviluppare una progettualità sulla chirurgia vascolare periferica minore e sulla chirurgia ricostruttiva della mammella".

Santi ha poi illustrato alcuni risultati dei primi mesi di lavoro: 

- l’attivazione dell’auto medica H24;

- l’aumento della dotazione infermieristica al Pronto Soccorso;

- l’attivazione del servizio di telemedicina e teleconsulto pediatrico (sono stati per questo acquistati un ecocardiografo avanzato per il trasferimento diretto delle immagini e uno specifico elettrocardiografo);

- l’apertura dell’ambulatorio allergologico pediatrico;

- lo stanziamento da parte della Società della Salute di risorse per andare incontro alle spese di trasferimento che devono sostenere i pazienti per recarsi a Pisa (ad esempio per le cure radioterapiche) riuscendo a ridurre il costo da una media di 50 euro a 5 euro a trasferimento, attraverso l’Associazione Non più Sola.

"Un elemento dibattuto sono i posti letto di cure intermedie da attivare in sede ospedaliera. Ritengo che l’attivazione di questo servizio, dedicato ai pazienti impossibilitati, a vario titolo, a rientrare al proprio domicilio dopo un ricovero o dal domicilio quando non sussistano le condizioni sanitarie per rimanervi, possa dare vere importanti risposte alla popolazione. Per questo abbiamo convenuto sulla sua importanza nel documento del 25/11. E’ necessario però che rispetti pienamente tutti gli standard normativi previsti (dotazioni di personale, accessi, ambiente e struttura) e che ogni eventuale riprogettazione sia migliorativa per l’Ospedale di Volterra. L’approfondimento al tavolo tecnico potrà dare le risposte adeguate. Abbiamo chiesto all’Azienda di valutare proposte riorganizzative solo e soltanto dopo la ripresa e la messa a pieno regime dei livelli promessi di attività chirurgica".

"Questo significa che va tutto bene? Certo che no! Lo scenario è complesso, le risorse stanziate a livello nazionale per la Sanità sono diminuite in questi anni, la popolazione dell’Alta Val di Cecina continua a diminuire e a invecchiare. Le necessità assistenziali e le modalità di erogazione delle cure continuano a cambiare, ma l’impegno e la riattivazione dei rapporti e dei tavoli può essere un elemento positivo per affrontare e risolvere i problemi" ha concluso Santi.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità