comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 18°30° 
Domani 18°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 13 luglio 2020
corriere tv
Coronavirus, in arrivo nuove disposizioni in vigore dal 14 luglio

Attualità giovedì 20 agosto 2015 ore 19:59

"​450mila cinghiali sono un pericolo pubblico"

Coldiretti interviene dopo l'incidente della scorsa notte in cui ha perso la vita un 39enne che si è scontrato con l'auto contro un cinghiale



CASTELLINA MARITTIMA — "Sono centinaia, ogni anno, gli incidenti provocati dagli ungulati (4mila dal 2001 al 2008 secondo l’ultimo dato ufficiale). Non è più solo questione di agricoltura ed agricoltori, di danni alle coltivazioni e di devastazione di raccolti che ogni anno si registrano nelle campagne della regione. A rischio c’è la sicurezza dei cittadini". Coldiretti Toscana interviene dopo la tragica morte del trentanovenne in seguito allo scontro tra la sua auto ed un cinghiale di oltre 100 chili e che gli ha improvvisamente tagliato la strada mentre stava percorrendo la provinciale di Castellina Marittima, al confine tra le province di Pisa e Livorno.

L'associazione degli agricoltori chiede "una accelerazione degli interventi di riduzione della popolazione concordati con la Regione Toscana"

Secondo Coldiretti, che nelle scorse settimane aveva ridato vigore alla sua azione di protesta raccogliendo la disponibilità dalla Regione Toscana a risolvere l’emergenza ungulati ed attuare un piano di contenimento, sono "450 mila gli esemplari a piede libero nella regione. "Devastano campi, azzerano le produzioni, sterminano gli allevamenti, mettono a repentaglio la sicurezza stessa dei cittadini e creano conseguenze devastanti anche sull’ambiente contribuendo all’impoverimento della fauna e della flora del bosco e del sottobosco"

Secondo l'organizzazione agricola sono "insufficienti gli abbattimenti da parte del mondo venatorio: appena 90mila circa; 100 milioni di euro i danni prodotti in cinque anni ad un ritmo di 20 milioni all’anno"

“Il numero di cinghiali – spiega Tulio Marcelli, Presidente Coldiretti Toscana – è raddoppiato nonostante gli abbattimenti che continuano ad essere insufficienti per affrontare un’emergenza di queste proporzioni e di questo impatto". 
"Abbiamo fiducia nel piano che la Regione Toscana - aggiunge - ma serve dare immediatamente corpo agli interventi: i cinghiali sono ormai un pericolo pubblico”. “I cinghiali – spiega - si spingono fino ai centri cittadini, invadono le carreggiate costituendo un pericolo per tutti i cittadini. I cinghiali non devono più essere un pericolo pubblico”.

Coldiretti chiede, infine, "la revoca delle zone di rispetto venatorio e nei Parchi che rappresentano solo 'un rifugio' per gli ungulati". “Siamo arrivati al punto di non ritorno - sostengono gli agricoltori - bisogna ritrovare la sostenibilità anche catturando all’interno di quelle aree che fino ad oggi sono off-limits per i cacciatori come zone di ripopolamento e parchi o rischiano di non risolvere il problema fino in fondo”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Attualità