Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:28 METEO:VOLTERRA17°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 24 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo in Sicilia: auto travolte dal fango a Scordia, si cercano dispersi

Cronaca venerdì 14 marzo 2014 ore 20:00

Aggrediscono e derubano un uomo per debiti di droga

Due giovani, a bordo di un'auto, hanno inseguito e poi aggredito un uomo per recuperare un debito di droga, ma sono stati arrestati dai Carabinieri e il debitore è finito in ospedale



CASTELLINA — Due giovani, a bordo di un'auto, hanno inseguito e poi aggredito un uomo per recuperare un debito di droga, ma sono stati arrestati dai Carabinieri e il debitore è finito in ospedale.
Il fatto è avvenuto mercoledì 12 marzo alle ore 21,30, quando un uomo stava percorrendo, a bordo della sua Lancia Musa, la Strada Regionale Toscana numero 206. Il conducente, giunto in località Le badie, nel Comune di Castellina Marittima, si è visto affiancare da una Opel Tigra che gli ha tagliato la strada e l'ha costretto a fermarsi.
L'uomo una volta sceso dalla sua auto, è stato aggredito dai due giovani a bordo della Tigra, i quali dopo averlo malmenato, lo hanno derubato di una borsa contenete uno smartphone ed un tablet e se ne sono andati, lasciandolo dolorante a terra.
Alcuni passanti che avevano assistito alla scena hanno chiamato il 112 ed è stata avvisata subito la Centrale Operativa che ha inviato sul posto l’autoradio di turno dell’Aliquota Radiomobile di Volterra. I Carabinieri, giunti tempestivamente, hanno soccorso l’aggredito, che è stato trasportato in ambulanza al pronto soccorso dell’Ospedale di Volterra.
Immediatamente dopo sono iniziati gli accertamenti, finalizzati al rintraccio degli aggressori. Le indagini avviate dal personale del N.O.RM della Compagnia di Volterra, in collaborazione con i colleghi della Compagnia di Cecina (LI), hanno permesso di identificare i due aggressori. Si tratta di due giovani di 24 anni, entrambi disoccupati: C.G.L. nato in Germania, e A.W originario di Cecina. Quest'ultimo, rintracciato dai Carabinieri poco distante dal luogo dell'aggressione, ha dichiarato ai militari che il suo comportamento era dovuto ad un debito che l’aggredito aveva nei confronti dei due, per l’acquisto di una dose di droga avvenuta nella settimana precedente. Il secondo autore dell’aggressione C.G.L, è stato rintracciato a Cecina e trovato ancora in possesso del borsino contenente lo smartphone ed il tablet. La refurtiva è stata recuperata e restituita al legittimo proprietario.
Entrambi i giovani autori della violenza hanno confermato che le motivazioni del gesto erano da ricondursi al debito non onorato, di 120 euro, per l’acquisto di cocaina.
I due ventiquattrenni sono stati arrestati per estorsione e su disposizione dell’A.G. competente, sono stati accompagnati presso le rispettive abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa del successivo procedimento giudiziario.
L’aggredito, visitato presso il pronto soccorso, è stato giudicato affetto da traumi contusivi vari guaribili in 12 giorni.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Prima fase di demolizione del Padiglione Carlo Livi. Si tratta di un edificio ormai fatiscente, parte della memoria manicomiale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità